L'Istituto Gramsci ricorda Salvador Allende e i drammatici eventi in Cile | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

L’Istituto Gramsci ricorda Salvador Allende e i drammatici eventi in Cile

JESI – Santiago, Italia è l’ultimo film del regista Nanni Moretti che l’Istituto Gramsci Marche, sez. Jesi e Vallesina, in collaborazione con l’Associazione Res Humanae, proietterà l’11 settembre prossimo, alle ore 21.15, presso il Teatro Cinema “Il Piccolo” di via San Giuseppe 27 a Jesi. La data 11 settembre riveste un significato particolare perché fu proprio in quel giorno di 46 anni fa, era il 1973, che il generale Augusto Pinochet pose fine con un colpo di Stato militare al governo del Presidente Salvador Allende, ucciso nelle circostanze, cancellando la democrazia in Cile fino al 1990 e instaurando un feroce regime dittatoriale.

Il film di Moretti, in stile documentario, racconta le vicende che seguirono al colpo di Stato mettendo l’accento, in particolare, sul ruolo encomiabile dell’ambasciata italiana di Santiago che diede rifugio, tra le sue mura, a centinaia di oppositori del regime permettendo loro di raggiungere il nostro Paese. Jesi costudisce, forse, la più importante testimonianza in Italia di quegli eventi con i Murales di Largo Salvador Allende. L’opera, grazie alla amministrazione di allora, fu realizzata, nei primi anni ottanta, da giovani cileni che avevano trovato rifugio in Italia e furono inaugurati nel 1984, assieme al monumento commemorativo di Salvador Allende, dalla vedova del Presidente assassinato Hortensia Bussi Soto de Allende.

Già nel 2013, a quaranta anni dal golpe, l’Istituto Gramsci, in collaborazione con L’Anpi, l’Arci e con il patrocinio del Comune di Jesi, aveva dato vita ad una serie di iniziative per ricordare i drammatici eventi cileni e per rinverdire la memoria su quanto la città conserva di quella storia. In particolare, per l’occasione, le scuole superiori jesine erano state invitate a realizzare progetti, in assoluta autonomia e libertà, che avessero come argomento i temi della libertà, dei diritti, della democrazia e dell’accoglienza. Docenti e studenti del Liceo scientifico “L. da Vinci”, dell’Istituto di Studi Superiori “G. Galilei”, del Liceo Artistico “E. Mannucci”, dell’Istituto Tecnico Commerciale e per geometri “P. Cuppari”, dell’Istituto Tecnico Industriale “G. Marconi” avevano lavorato intensamente e le loro fatiche avevano dato vita ad una mostra, dal titolo “Quando un muro significa libertà”, che si era tenuta presso il Palazzo dei Convegni nel marzo 2014. Il 15 marzo, ultimo giorno della mostra, gli studenti impegnati nel progetto, avevano incontrato due testimoni di quei tragici eventi del 1973: Enrico Calamai, ai tempi diplomatico in servizio presso l’ambasciata italiana di Santiago, e Carlos Viveros, uno degli autori dei murales. Enrico Calamai, vice console in Argentina, era stato inviato in Cile ai tempi del golpe
di Pinochet ed era riuscito a trasferire in Italia 412 cileni (tra i quali 50 bambini) che si erano rifugiati
nella sede diplomatica italiana.

Tornato in Argentina aveva messo in salvo e fatto espatriare centinaia di oppositori alla dittatura militare di quel Paese. Nel 2000, in Italia, ha testimoniato nei procedimenti penali contro otto militari argentini responsabili della morte di cittadini italiani. Ha narrato le sue esperienze nel volume: “Niente asilo politico”. E’ uno dei testimoni dei fatti del 1973 nel film di Moretti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.