Lite furiosa al CUP, intervengono forze dell'ordine. «Tagli al personale, sanità allo sbando» | | Password Magazine
Banner4Baffi

Lite furiosa al CUP, intervengono forze dell’ordine. «Tagli al personale, sanità allo sbando»

JESI –  «Dopo l’annuncio – e sottolineiamo annuncio perché di concreto ancora non si è visto nulla – di prorogare 300 lavoratori in scadenza di contratto dal 15 giugno prossimo l’ASUR ha così “risolto” la questione dei tagli e degli accorpamenti». Così interviene il Tribunale per i Diritti del Malato, coordinato da Pasquale Liguori, sulla questione dei tagli alla sanità:  «A noi sembra l’ennesima presa in giro : tutti sappiamo che con tale proroga non si può comunque garantire il piano ferie estivo, se a questo non si proceda alle sostituzioni del personale cessato o che cesserà dal servizio nei prossimi mesi – continua Liguori – I tagli che dovrebbero essere attuati dal 1^giugno riguardano tutti i reparti chirurgici e la Reumatologia in particolare che verrà del tutto decapitata (Chirurgia /Urologia da 28 a 20 , Ortopedia da 24 a 16,Reumatologia di fatto  chiuderà i battenti con 3 posti letto in Ortopedia). Tutto ciò senza tenere minimamente conto delle necessità del paziente che , in attesa da mesi per un intervento si vedrà rinviare lo stesso ”a data da destinarsi” ».

Il Tribunale evidenzia che alcune tipologie di intervento possono essere rimandati , contrariamente ad altri che invece non lo possono essere, come il caso dell’Ortopedia che ha 673 pazienti in attesa chirurgica di cui 99 in classe di priorità A , il cui mancato rispetto espone il paziente stesso ad un deterioramento delle sue condizioni cliniche con un grave pregiudizio per la sua prognosi finale: «Ma è emblematico anche il caso della Clinica Reumatologica, fiore all’occhiello del nostro ospedale, che addirittura viene chiusa del tutto, mandando a casa o rifiutando il ricovero a pazienti in condizioni critiche provenienti anche da fuori regione (sono centinaia di pazienti in attesa proveniente da tutta Italia) che vedono molto spesso la nostra clinica come ultima spiaggia per le loro patologie – continua Liguori – In tutto questo marasma di tagli e accorpamenti la nostra AREA VASTA è senza direzione dopo le dimissioni del Dr. Coacci; siamo allo sbando completo, sono dovute intervenire persino le forze dell’ordine nei giorni scorsi per sedare un alterco tra un operatore del Cup e un paziente in attesa insieme ad altri 30 con un solo sportello aperto. E’ necessaria l’attivazione di tutte le Istituzioni , in primis l’Amministrazione comunale per porre rimedio a questo scempio che sta portando la ns sanità ad un livello cosi basso come mai sinora».

Infine aggiunge: «Va detto che senza incremento del tetto di spesa per il personale dell’ Area Vasta 2 i problemi strutturali evidenziati in questi giorni non troveranno soluzione. E’ impensabile infatti chiedere alla sola Area Vasta 2 di rientrare di 4,4 milioni sul costo dal personale su un risparmio complessivo dell’ Asur previsto per il 2019 di 6,8 milioni. Come CISL FP valutiamo positivamente le proroghe, la cui precisa entità ci dovrà essere comunicata, ma chiariamo che esse da sole non sono sufficienti a garantire il piano ferie. Infatti senza le sostituzioni del turn over, legato a cessazioni dal servizio, che già si stanno verificando, le riduzioni di servizi e di posti letto già comunicate potrebbero dover essere ulteriormente aumentate. Il piano ferie presentato nei giorni scorsi ai sindacati e oggi diffuso tra i coordinatori dei servizi, può essere attuato solamente se oltre alle proroghe sarà possibile sostituire il personale che in questi mesi per vari motivi cesserà dal servizio (pensione, dimissioni volontarie o altro). Resta infine inteso che il personale è risicato a tal punto che malattie improvvise o richieste di aspettativa metterebbero subito in crisi i reparti e servizi. Manteniamo pertanto lo stato di all’allerta del personale, perchè la situazione è decisamente grave e le dimissioni del Direttore Coacci, che pur nel breve tempo ha dimostrato grande comprensione e vicinanza per i problemi dei lavoratori, lo stanno certamente a dimostrare».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.