Lo Iom è rosa: progetti e reti di solidarietà a sostegno delle pazienti oncologiche | Password Magazine

Lo Iom è rosa: progetti e reti di solidarietà a sostegno delle pazienti oncologiche

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Anna e Maria Luisa Quaglieri

JESI – Lo Iom si colora di rosa. Ad annunciarlo è Anna Quaglieri, presidente della realtà jesina che si occupa di assistenza ai malati oncologici sul territorio della Vallesina. In arrivo, nuovi servizi con una corsia preferenziale per il mondo femminile: «Lo Iom è per la Vita – sottolinea la presidente – perché l’obiettivo è quello di aiutare tutti, senza perdere la speranza». All’ospedale Murri, presso la sala di formazione parte grazie a Iom il progetto rosa, un’iniziativa che nasce ascoltando esigenze espresse dalle famiglie del territorio.
«Un pull di professionisti si metterà a disposizione dei pazienti in trattamento, dedicando un’ora alla settimana per ciascuno, con un’attenzione speciale per le donne – spiega la direttrice Iom Maria Luisa Quaglieri -. Ci sarà anche una dermatologa, una dietologa, una psicologa e anche un’estetista oncologica appositamente formata per insegnare alle pazienti sottoposte a chemio come prendersi cura del proprio aspetto». La perdita dei capelli, delle ciglia e delle sopracciglia rappresenta infatti un trauma per le malate oncologiche: per questo, oltre al supporto psicologico, è importante il recupero della propria femminilità. Lo ha capito bene il reparto di Oncologia dell’ospedale Carlo Urbani che insieme a Soroptimist hanno coinvolto lo Iom in una nuova sfida: lanciare una cordata di solidarietà per l’acquisto di due caschi speciali che, con un’azione refrigerante sul cuoio capelluto, contrastano la perdita delle ciocche. Un macchinario dal valore di 35 mila euro da installare in reparto anche a Jesi.

Partirà anche un salotto al femminile, dove le donne che hanno avuto un problema oncologico possano incontrarsi e confrontarsi, incontrare i medici, seguire lezioni di trucco, yoga, corsi di teatro e di uncinetto. Momenti ricreativi capaci insomma di dare sollievo all’anima. 

«Ad oggi sono 286 i pazienti presi in carico – fa sapere Anna Quaglieri -. Sono più le donne ad ammalarsi che gli uomini e preoccupa che siano sempre più giovani: la fascia d’età è quella tra i 45 e i 55 anni, i più diffusi i tumori all’intestino e al pancreas. Vero anche che si guarisce di più rispetto al passato. Tutta l’attività svolta da Iom è possibile grazie alla nostra rete di infermieri e volontari che con professionalità e competenza assistono chiunque abbia bisogno». Di questo e altro si discuterà al convegno che sabato 9 novembre si svolgerà a palazzo dei Convegni, a partire dalle ore 9.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.