Lo smart working, lavoro agile ma non a domicilio | | Password Magazine
Banner4Baffi

Lo smart working, lavoro agile ma non a domicilio

Ne parliamo con Daniela Barbaresi, Segretario Generale CGIL Marche

L’emergenza del Coronavirus ha portato alcune nostre aziende a considerare o a riconsiderare la forma dello smart working, o lavoro agile.
Le nuove tecnologie permettono di rendere la presenza fisica in ufficio non più necessaria consentendo che parte delle prestazioni lavorative vengano svolte da casa o in altri luoghi, scelti di comune accordo tra datore di lavoro e lavoratore.


«Attenzione però – fa notare Daniela Barbaresi , Segretario Generale CGIL Marche  – lo smart working non è solo lavoro da casa o telelavoro, ma permette di lavorare in remoto con flessibilità di impegni e di orari, con più autonomia da parte dei lavoratori. Non è il vecchio lavoro a domicilio di bassa qualifica svolto tra le mura domestiche, soprattutto da donne e giovani precari». Limiti e i vantaggi, nei nostri territori caratterizzati da un tessuto produttivo fortemente manifatturiero e con imprese di piccole dimensioni? «Il lavoro agile implica un passaggio culturale a una logica di gestione del lavoro per obiettivi, basata sulla misurazione e valutazione dei risultati, valorizzando le competenze. Tra i vantaggi, riduzione dei costi di gestione, conciliazione famiglia e lavoro e migliori condizioni ambientali. Da evitare l’isolamento e la perdita dell’identità lavorativa e sociale. Tra le aziende marchigiane ad aver adottato lo smart working Teamsystem, Biesse, Imab, Schnell, Pfizer, Engineering, Marche Multiservizi, parte del sistema bancario e alcuni enti pubblici».

Certo è che, in questi giorni focali in cui oltre al carico del lavoro agile, le famiglie – le donne specialmente – hanno anche sulle spalle la cura dei bambini in casa, tra giochi da fare insieme a loro, lezioni online e chat varie. In più, i carichi domestici da gestire con il proprio partner.
Il futuro ci vedrà convivere con questo maledetto virus, almeno fino a quando la comunità scientifica non troverà una cura adeguata. Pertanto, le aziende sono già invitate a preferire lo smart working al lavoro d’ufficio.
Sarà quindi fondamentale saper conciliare esigenze aziendali e sociali di flessibilità con quelle di work-life balance dei lavoratori, freelance o dipendenti che siano.

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.