Lotta all'evasione: recuperati altri 600 mila euro | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lotta all'evasione: recuperati altri 600 mila euro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La lotta all’evasione porta altri 600 mila euro nelle casse del Comune, intenzionato fin da subito, come previsto dal programma di mandato appena approvato dal Consiglio comunale, a rafforzare ulteriormente questa azione intensificando la collaborazione con l’Agenzia delle Entrate.

Il recupero delle somme non versate dai contribuenti è equamente divisa tra Ici, tassa rifiuti ed i servizi di in gestione alla Corit, vale a dire tassa occupazione suolo pubblico e pubblicità.

Per quanto riguarda l’Ici, l’accertamento, così come previsto dalla normativa, era relativo agli anni di imposta a partire dal 2007 e fino al 2011. Un accertamento eseguito attraverso un doppio controllo incrociato: da una parte la differenza tra quanto dichiarato e quanto versato da ciascun contribuente, dall’altra il confronto tra i dati del catasto e dell’anagrafe tributaria per individuare le cosiddette “case fantasma”. L’esito dei controlli, elaborati dall’Ufficio, ha prodotto circa 2 mila provvedimenti per oltre 200 mila euro. Per 199 contribuenti l’attività di accertamento ha riservato positive sorprese, ottenendo somme versate in eccedenza negli anni pregressi (dal 2003 al 2005) per  complessivi 45 mila euro.

Altri 200 mila euro derivano dalla tassa rifiuti a seguito di controlli su denunce presentate od omesse per abitazioni ed attività produttive. Per le denunce presentate sono state verificate sia le categorie di appartenenza che la superficie occupata. Per le omesse denunce, le verifiche sono state effettuate secondo diverse modalità: anagrafe, camera di commercio, subentri da parte di altri utenti ecc.. L’ufficio ha provveduto a chiamare i contribuenti nei casi in cui sono emerse irregolarità, provvedendo d’ufficio laddove il contribuente non si è presentato. I riscontri, sviluppati anche attraverso il controllo dei dati catastali, hanno portato all’emissione dei relativi avvisi di accertamento.

Sfiora infine i 200 mila euro (al netto dell’aggio) anche la somma che il Comune introiterà grazie all’attività di recupero della Corit, la società che ha in appalto i servizi di tassa occupazione suolo pubblico e pubblicità: perla Tosapsono stati emessi 360 atti di liquidazione ed altri 28 atti di accertamento per 76 mila euro; per la pubblicità gli atti di liquidazione sono stati 130 e quelli accertati 50 per complessivi 146 mila euro.

Sullo sfondo, come detto, l’impegno dell’Amministrazione per una maggiore sinergia tra l’Ufficio Tributi e gli altri Uffici del Comune che gestiscono banche dati, come ad esempio le dichiarazioni Isee per i servizi a domanda individuale (mense, trasporti, assistenza domiciliare, ecc.). Obiettivo è quello di intercettare casi di infedele dichiarazione e procedere a segnalazioni qualificate all’Agenzia dell’Entrate per i relativi accertamenti. Una opportunità, questa, prevista dalla legge già da qualche anno e che si traduce in una compartecipazione del Comune al recupero dei tributi erariali evasi.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.