Luca Butini lascia la presidenza della Fondazione Angelo Colocci | | Password Magazine

Luca Butini lascia la presidenza della Fondazione Angelo Colocci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo poco meno di due anni si avvia come previsto a conclusione l’esperienza di Presidente della Fondazione Angelo Colocci di Jesi del già assessore alla Cultura del Comune di Jesi Luca Butini.

Tre gli obiettivi principali concordati fra i Soci Fondatori (Fondazione Carjsi, Comune di Jesi, Banca Popolare di Ancona e Banca Marche) al momento della mia designazione: a) la revisione dello Statuto che, attraverso l’istituzione dell’Assemblea dei Soci – fino ad ora non prevista – ed uno snellimento del Consiglio di Amministrazione, consentisse una gestione dell’ente al tempo stesso più agile e più vicina ai cittadini e da essi facilmente “percepibile”; b) la rivisitazione del rapporto con l’Università di Macerata, in vista della scadenza della convenzione che regola l’attività universitaria a Jesi, sul piano sia dei contenuti formativi che dell’impegno economico; c) il necessario contenimento dei costi di gestione, alla luce della necessità espressa dai Soci e poi concretizzatasi, di ridurre il proprio contributo alla Fondazione.

Più lunga e faticosa del previsto la prima azione, anche per le contingenze che hanno interessato due dei Soci fondatori, Fondazione Carjsi e Banca Marche, determinando fra l’altro avvicendamenti dei rispettivi organi di gestione. Una sintesi è stata infine trovata, Regione Marche ha ratificato le modifiche introdotte ed ora la neonata Assemblea dei Soci avrà il compito di dettare le linee di indirizzo e di monitorare l’attività della Fondazione attraverso l’approvazione dei bilanci preventivo e consuntivo.

L’offerta formativa universitaria a Jesi è stata rilanciata con il rinnovamento del triennio di Scienze dell’Amministrazione e l’introduzione di un nuovo biennio di Laurea specialistica in Scienze dell’Amministrazione Pubblica e Privata, finalizzato a formare professionisti di alto livello, nazionale ed internazionale, nei percorsi di  “Business Law” e “Public Law”, potenzialmente in grado di ampliare in modo significativo sia la capacità attrattiva dei corsi che gli sbocchi professionali dei laureati. Il consolidamento del rapporto di reciproca fiducia fra Fondazione ed Università di Macerata – Jesi rimarrà l’unica sede distaccata attiva dell’Ateneo maceratese – consente di guardare con ottimismo all’imminente rinnovo della convenzione che consentirà al tempo stesso sia la prosecuzione del rapporto che una significativa riduzione degli oneri a carico delle istituzioni cittadine.

Il contenimento dei costi è stato ottenuto attraverso una serie di misure intraprese sia dal Consiglio di Amministrazione che dalla Direzione della Fondazione, organi che hanno agito nel massimo rispetto delle reciproche funzioni. La gratuità della carica di Presidente e di Consigliere d’Amministrazione rispondono ad una precisa convinzione dei componenti del CdA uscente: servire ed assumersi responsabilità quale Consigliere d’Amministrazione o Presidente della Fondazione Angelo Colocci è un onore, non un mestiere; non una “poltrona” da occupare ma una funzione da svolgere, prevalentemente di indirizzo e di rappresentanza, senza comportare alcun aggravio di bilancio. Siamo fiduciosi che i componenti del nuovo CdA oggi nominati dai Soci – peraltro molti erano presenti anche nel precedente – confermeranno tale scelta dimostrando di coglierne il significato non solo simbolico nei confronti della cittadinanza ma anche concretamente economico nei confronti del personale che in Fondazione lavora, il cui posto di lavoro va tutelato con ogni strumento disponibile in un momento non facile come l’attuale.

La Direzione ed i dipendenti della Fondazione, ai quali esprimo apprezzamento e riconoscenza per la collaborazione ricevuta e per le capacità professionali dimostrate, hanno infatti saputo intervenire nel difficile processo di revisione della spesa che ha portato ad un contenimento delle spese per i soci da € 867.000 (2012) a € 650.000 (preventivo 2014) senza che si determinasse una riduzione di efficienza delle prestazioni nei confronti degli studenti, dell’Università di Macerata, dei Soci Fondatori e degli altri molteplici interlocutori della Fondazione, vale a dire altri atenei marchigiani con cui sono in corso collaborazioni, gli istituti scolastici superiori della città, le tante associazioni professionali  e culturali che svolgono attività presso la Fondazione stessa.

A conclusione di questa relazione, presentata stamane in conferenza, Butini precisa: “Formulo infine, anche a nome dei Consiglieri uscenti – ai quali esprimo gratitudine per la fiducia accordatami e per la collaborazione dimostrata – i migliori auguri di buon lavoro al nuovo CdA, consapevole che dovrà affrontare nuove sfide per continuare a garantire ai giovani del nostro territorio e non solo – i veri e principali destinatari dell’attività della Fondazione – una importante opportunità di formazione e di crescita personale e professionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.