Lucaboni (FI) su Sanità: "Chiudere Ostetricia a Fabriano è una pessima riforma" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lucaboni (FI) su Sanità: "Chiudere Ostetricia a Fabriano è una pessima riforma"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il coordinatore cittadino di Forza Italia Massimiliano Lucaboni invia una nota stampa in merito alla questione sanità: “Molto si parla di riforma sanitaria, riforma che dopo i rimbrotti dei sindaci PD l’austero Ceriscioli sembra si stia rimangiando.In effetti se andiamo a vedere che cosa avrebbe portato di risparmio, questo nuovo modello sanitario è solo un altro vano ed inutile tentativo di salvare la faccia di qualcuno.
Ebbene si parla di chiudere l’ostetricia di Fabriano e Osimo. Parliamo di Fabriano. Chi vive in quella realtà se chiudesse tale reparto sarebbe costretto a venire a Jesi a più di 40 km di distanza o, più vicino, dovrebbe recarsi al Barca, praticamente in Umbria ma comunque 10 km più vicino di quello di Jesi. Bene. L’assurdo della situazione sta nel fatto che – visto che i tagli si fanno in base al numero dei parti che ogni ospedale dovrebbe avere –  siamo passati da 1000 a 500: ebbene si vuole chiudere Fabriano, quando in realtà l’ospedale Barca, dove sarebbero costrette ad andare le partorienti, fa 100 parti in meno di quello di Fabriano. Inoltre nell’ospedale Profili sono presenti sia anestesista che rianimatore, cosa che al Barca non esiste perché di figura ne è prevista una sola e IN reperibilità. In ultimo, se la partoriente, chiedesse una partoanalgesia, mentre a Fabriano sarebbe gratuita al Barca sarebbe a pagamento. Come dire, questa riforma è e rimane pessima, continuando a pesare sulle professionalità che abbiamo nella nostra sanità marchigiana, che veramente potrebbe essere un modello se non ci fosse la politica ad occuparsene. E chiudo sottolineando un fatto in caso di urgenza: mentre a Fabriano c’è il personale disponibile, al Barca ci sarebbero ben 6 persone da chiamare in reperibilità con un costo enorme per il sistema sanitario. Insomma è tutto da rifare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.