Luci e insegne dei locali accese: anche a Jesi la protesta di baristi e ristoratori | Password Magazine

Luci e insegne dei locali accese: anche a Jesi la protesta di baristi e ristoratori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Luca Civerchia, titolare dell'Enoteca e Ristorante Rosso Intenso

JESI – Luci accese, tavoli apparecchiati ma nessun cliente. Sono più di 50 i ristoratori e titolari di bar e locali di Jesi che si sono uniti ieri sera dalle 21 alla manifestazione di protesta Risorgiamo Italia. Un’azione simbolica nazionale che ha coinvolto migliaia di addetti del settore in tutte le Marche.  

Organizzata dai movimenti di imprenditori del mondo HO.RE.CA e dei Locali di Pubblico Spettacolo, ciascun aderente ha partecipato illuminando le strade e i vicoli della città con la propria insegna accesa e le luci del locale, inscenando un’apertura fittizia. Si poteva anche apparecchiare il tavolo, accendere la televisione o un po’ di musica, risvegliare quei luoghi fino a poco tempo fa centro di vita e ora deserti e abbandonati.

Obiettivo, sensibilizzare gli organi amministrativi competenti di Governo, Regione e Comuni avanzando richieste alla luce delle prossime restrizioni che saranno obbligatorie per la riapertura dei locali pubblici nella fase 2 legata al coronavirus.

Nel documento sottoscritto dal gruppo Bar e Ristoratori Uniti delle Marche chiedono in particolare alle istituzioni:

1 – Di intervenire direttamente tramite credito d’imposta sull’affitto ai proprietari degli immobili
commerciali che non si vedono pagare i canoni con durata almeno fino al 31/12 esteso anche
agli affitti di ramo d’azienda.

2 – Di mantenere la cassa integrazione CIG per i dipendenti ed il sussidio mensile INPS (600-800
Euro) per imprese, partite iva e ditte individuali almeno fino al 31/12 e la reintroduzione dei VOUCHER per le prestazioni lavorative occasionali.
3 – Il congelamento del pagamento di tutte le tasse, imposte e contributi e successiva rateizzazione almeno fino al 31/12
4 – L’annullamento di tutte le tasse e gabelle delle bollette per le utenze (intese come tutte le spese che non vanno al fornitore dei servizi ma allo Stato) e quelle comunali (TARI, TOSAP ecc…)
5 – La sospensione immediata dei mutui per la prima casa per i titolari di partita iva e ditta individuale e lavoratori dipendenti in cassa integrazione con accesso a fondi di garanzia. Sospensione
immediata dei mutui con accesso a fondi di garanzia per le attività commerciali coinvolte nelle
chiusure per coronavirus
6 – La concessione immediata di una parte di liquidità a fondo perduto per le attività in crisi visto
le difficoltà temporali di arrivare al prestito garantito dallo Stato. Inoltre il merito di credito e le
condizioni applicabili essendo a discrezionalità delle banche, rendono l’erogazione ulteriormente
difficile ed intempestiva.
7 – Maggiore chiarezza ed altrettanta fattibilità per le disposizioni di sanificazione ed i distanziamenti tra i tavoli e tra i clienti. Allo stato attuale, questo è lo scoglio maggiore che ci impedisce di
lavorare in piena sicurezza, tranquillità ed economicità. Non vogliamo e altresì non ci aspetta nessuna improbabile delega sul controllo della clientela in materia sanitaria considerata oltretutto la
gravità della situazione con il rischio di incorrere in multe e sanzioni per azioni che non ci appartengono.
8 – Contributi a fondo perduto su spese per adeguamenti sanitari per l’acquisto di macchinari,
mascherine, guanti, particolari sanificanti, separatori in plexiglas ecc., dovute al coronavirus e certezza di poter disporre di canali di approvvigionamento certi e sempre riforniti.
9- Concessione, o ampliamento, a titolo gratuito di aree di servizio esterne adiacenti, o nelle immediate vicinanze, dei locali. Predisporre ampie aree di servizio esterne ai locali dove permettere
la sosta contingentata degli avventori, sul suolo pubblico a titolo gratuito; ove ci siano già concessioni in essere (dehors) permettere l’ampliamento della superficie di pertinenza.

«Il non accoglimento di queste istanze – si legge nel documento – costringendoci a rinunciare alla quasi totalità del nostro fatturato, ci metterebbe di fatto nell’impossibilità di riprendere le nostre attività lavorative già devastate dall’emergenza coronavirus  La crisi è grave, tangibile e si prospetta di lungo periodo. Chiediamo alla politica una rapida e risolutiva risposta».

A Jesi, hanno partecipato gli operatori del centro storico e anche di altri quartieri. Sono:

Jack Rabbit Brewpub, Hemingway Cafè, Mezzometro, Rambaldus Cocktail Bar, Oscar Wilde Irish , Pizzeria/Focacceria Numero Uno, Corso Piccolo Caffè, Trattoria Della Fortuna, Transylvania Vinyl Bar, La Mangeria, Caffè Europa, Comida Tapas Bar, La Picca Wine Bar, Hosteria Dietro Le Quinte, Ristorante La Brusca, Cibariando, H22, Le Tre Botteghe, Il Pasticcere, Birreria Sant’Agostino, Vox Live Club, Arilù, Giu’ San Pietro, Osteria Pizzeria Gatto Matto, Laboratorio, Jesi Caffè, Caffe’ Imperiale, La Salsicciona, Rossointenso Enoteca Ristorante, Ristorante Viviziamo, Giù All’angoletto, Pausa Caffè Viale, Pepito Ristorante Pizzeria, Coffee Break/Cibi 22, Poldo Burger Bar, Bar Pasticceria I Dolci Sogni, Hakuna Matata Cafè, Caffè Del Teatro, Sardina Street Food, Tabano Ristorante Casolare, American Bakery, ManCave Cafè.

Ciascuno si organizzerà per consegnare le chiavi del locale al Sindaco, chiedendo di rovesciarle sui tavoli del governo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.