Lucia Annibali: "Il non amore distrugge, il vero amore non può che essere buono" | | Password Magazine

Lucia Annibali: "Il non amore distrugge, il vero amore non può che essere buono"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, vogliamo  riproporvi l’intervista a Lucia Annibali, l’avvocatessa di Pesaro sfigurata dall’acido dal suo ex fidanzato, pubblicata sulla rivista Password del mese di agosto e redatta da Catiuscia Ceccarelli.

“Non si tratta della solita stesura di un semplice articolo, non è il racconto da cronista di un fatto accaduto da divulgare. Per quanto un giornalista possa amare con passione il proprio mestiere, poche volte ha la possibilità di emozionarsi veramente. Di fronte a persone che per colpa di un destino beffardo o per un incontro sbagliato nel proprio percorso di vita, sono state costrette  a ricostruirsi, a rinascere, non si riesce a rimanere indifferenti e professionalmente neutrali, specialmente se sei donna oltre che giornalista.

Episodi di stalking e di violenza sulle donne– purtroppo – sono all’ordine del giorno.  Nel 2013, solo nelle Marche, sono state 439 le richieste di aiuto ai centri antiviolenza,  147 nella provincia di Ancona, 40 in quella di Ascoli Piceno, 70 in quella di Fermo, 72 in quella di Macerata e 110 in quella di Pesaro Urbino.

Sono solo numeri che hanno però un peso sociale e psicologico da non sottovalutare.

Violenza, femminicidio. Tanti, troppi i casi di cui si sente parlare, ma ti accorgi realmente della gravità della situazione solo quando accade qualcosa di brutale vicino a te. Quando il caso non è solo scritto sui giornali o analizzato da esperti o presunti tali in qualche trasmissione televisiva, ma a pochi chilometri dalla tua quotidianità. E’ in questo momento che realizzi, ti emozioni e provi un brivido.
Lo stesso brivido che ho provato quando il direttore di Password Chiara Cascio mi ha chiesto di intervistare Lucia Annibali, l’ avvocatessa pesarese sfigurata con l’acido dal suo ex fidanzato Luca Varani  il 16 aprile 2013, ora condannato a vent’anni per stalking e tentato omicidio.
E’ con la forza di questa donna che affrontiamo il tema della rinascita. Lei che ha saputo trasformare il suo dolore in opportunità. Lei che a viso scoperto afferma “Io ci sono”. Lo scrive in un libro dove ripercorre la sua storia ma lo testimonia ogni giorno, tra un intervento chirurgico e l’altro, nella sua più totale e semplice normalità.

“Io ci sono”. Oltre a dare il titolo al libro è anche la tua risposta al futuro che ti chiama, come tu stessa affermi nelle ultime pagine. Ce l’hai fatta, sei presente a te stessa e gli altri ti stimano per come sei. Chi è Lucia, adesso?

“Lucia è esattamente se stessa. Senza più sovrastruttura. Mi corrispondo perfettamente e mi sento bene prima di tutto con me stessa. Uso spesso un’immagine per descrivermi che è questa: prima del 16 aprile io ero una ragazza anonima, ferma alla finestra a guardare la vita a distanza che passava lì davanti ai miei occhi e alla quale partecipavo, per così dire, senza troppa partecipazione. Adesso sono fra la gente, per strada, non più ferma alla finestra a guardare la vita. Sono qui e vivo fino in fondo ogni istante delle mie giornate.”

Alla donna che sei stata prima di quel 16 aprile 2013, l’inizio della tua rinascita, cosa riconosci?

“Soprattutto la fatica enorme per cercare di uscire dalla palude. Io ce l’avevo messa tutta. Poi purtroppo è andata come tutti sappiamo, ma – tenendo conto anche della pressione psicologica alla quale ero sottoposta – io avevo usato comunque tutte le forze che potevo per cercare una soluzione alla situazione che stavo vivendo.”

Nel libro, con la complicità e la bravura della giornalista Giusi Fasano (Corriere delle Sera), racconti ogni attimo di quello che ti è successo. Una ricostruzione dei fatti precisa quasi come fosse allineata a quella chirurgica. Una nuova immagine di te. Ti piaci?

“Mi piaccio molto, sì. Come diciamo anche nel libro, mi sento bella perché ho imparato ad apprezzarmi ed accettarmi per come sono. Ho capito che la bellezza è molto di più di una semplice questione estetica. E io mi sono sudata ogni piccolissimo passaggio dalla sera del 16 aprile 2013 ad oggi per essere così come sono. E’ stato doloroso e faticoso, non è ancora finito. Sono anche sicura di poter fare di meglio e di potermi piacere più di oggi.”

Sei una donna giovane, brillante, forte e autoironica. Leggendoti, guardandoti in tv, rimani più impressa con la tua personalità che con i segni del tuo dolore. Quello che ti è accaduto ti ha dato molta popolarità, ma tu oggi non sei nota al pubblico come” l’avvocato pesarese sfregiata con l’acido dal suo ex”. Tu per tutti sei Lucia Annibali. Un punto di riferimento per le donne. Una bella responsabilità. Come vivi la notorietà?

“Come si capisce bene anche dal contenuto del libro, io la notorietà non l’ho mai cercata. Proprio mai. Questa esposizione continua è frutto di una valanga di riconoscimenti che mi sono stati offerti dalle istituzioni, dalle associazioni, dalle scuole o semplicemente dalla gente comune. Sono onorata di essere un punto di riferimento per le donne che mi scrivono o mi seguono cercando in me un esempio, sono grata alle istituzioni per essere state così presenti in questi mesi difficili. Ed è vero: tutto questo è per me una grandissima responsabilità che spero di saper gestire nel migliore dei modi. Per mettere a disposizione degli altri il bene che sento di avere dentro, non certo per cercare notorietà.”

“La mia storia di non amore”, è il sottotitolo del lbro. Che cos’è l’amore Lucia? E che peso ha l’amore nella tua vita, ora?

“L’amore è rispetto, complicità, empatia, comprensione, amicizia. E’ mille e mille cose tutte assieme. Esclusa una: il male. L’amore, lo ripeto una volta di più, non può essere che buono. Oggi per me conta più di ogni altra cosa guarire fino al massimo che posso. Conta aiutare chi ha vissuto come me il dolore degli ustionati. L’amore, nel senso di un uomo con il quale fare progetti di vita, al momento non c’è.”

A” Io ci sono” aggiungerei io non ho paura. Si legge serenità sul tuo viso e, dopo aver trasformato il dolore in opportunità di rinascita, dai l’impressione di poter conquistare il mondo. Metti sicurezza. Dentro di te è davvero così? Che rapporto hai con la paura?

“La paura oggi per me è una cosa concreta, precisa, legata a ciò che ho vissuto: è la paura del buio, quella di uno sconosciuto che mi si avvicina troppo, è la sensazione che dietro la porta ci sia qualcuno che vuole farmi del male. Di sicuro non è la paura di non farcela. Quella non ce l’ho.”

L’8 marzo sei stata ospite a Montecitorio, accolta dalla presidente Boldrini che ha parlato di “violenza come affare di Stato”. Secondo te, attualmente, specie dopo la tua testimonianza … Lo Stato sta facendo abbastanza in termini di misure preventive contro la violenza?

“Mi sembrerebbe presuntuoso farmi giudice di ciò che lo stato sta facendo oppure no. Secondo me dal punto di vista legislativo abbiamo abbastanza misure anti-violenza. Il punto è applicare le leggi fino in fondo e nel migliore dei modi, come sempre.”

Qual è il tuo messaggio alle donne che sono quotidianamente vittima di violenza?

“Un messaggio scontato, perfino banale: denunciate ogni forma di violenza, sempre. Non rimanete nell’ombra perché l’ombra vi isola e vi rende vulnerabili. Non accettate mai di farvi imporre qualcosa che non volete. E vogliatevi bene perché volersi bene vuol dire non permettere a nessuno di farvi del male.”

Abbandoniamo il passato e concentriamoci sul presente. Lucia tu sei una ragazza con un passato importante ma comunque una giovane donna con una vita davanti. Qual è la tua giornata tipo?

“Al momento è scandita da passaggi medici: la maschera da portare giorno e notte, i massaggi per ammorbidire la pelle del viso, le creme e il collirio. Nel tempo che resta vivo la vita di una ragazza comune, normale.”

E per quanto riguarda il futuro: che cosa vorresti fare che non hai ancora fatto in questi ultimi mesi?

“Uno dei miei più grandi desideri è aiutare gli ustionati, fare qualcosa per loro perché ci sono passata e so che posso essere utile.”

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.