Lucia di Lammermoor, a chiusura della 45esima stagione lirica del Teatro Pergolesi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lucia di Lammermoor, a chiusura della 45esima stagione lirica del Teatro Pergolesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Con “Lucia di Lammermoor” volge al termine la 45esima stagione di tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi: dopo il successo de “I Puritani” di Bellini, e di “Macbeth” di Verdi, in scena il capolavoro di Donizetti venerdì 23 novembre alle ore 21 e domenica 25 novembre alle ore 16 con la ricostruzione delle scene di Josef Svoboda, la regia di Henning Brockhaus, la direzione di Matteo Beltrami.

Gianluca Terranova, il tenore protagonista della fiction tv su Enrico Caruso, è Lord Edgardo; il suo disco di debutto “Gianluca Terranova canta Caruso – arie d’opera e canzoni dal film per la tv” sarà in vendita nel foyer del teatro al termine delle recite, con il tenore presente per autografare il cd. Nel cast dell’opera una giovane Lucia di 23 anni, Sofia Mchedlishvili, al suo debutto in Italia, ed il baritono coreano Julian Kim (Lord Enrico Asthon).

Il nuovo allestimento in coproduzione tra otto teatri italiani: Fondazione Pergolesi Spontini, Teatri del Circuito Lirico Lombardo (Cremona, Como, Brescia e Pavia), Teatro Coccia di Novara, Teatro dell’Aquila di Fermo e Teatro Alighieri di Ravenna

Il tenore di fama internazionale Gianluca Terranova, protagonista lo scorso settembre della fiction tv su Rai Uno “Caruso, la voce dell’amore” sulla vita di Enrico Caruso, è “Lord Edgardo” nella “Lucia di Lammermoor” di Donizetti, in scenavenerdì 23 novembre alle ore 21 e domenica 25 novembre alle ore 16 al Teatro Pergolesi di Jesi. L’opera, terzo titolo della 45esima Stagione Lirica, vede in scena inoltre una giovane Lucia di 23 anni, Sofia Mchedlishvili, al suo debutto in Italia; nata nel 1989 a Tblisi, in Georgia, ha cantato recentemente al Festival Rossini in Wildbad. Nel ruolo di Lord Enrico Asthon è il baritono coreano Julian Kim, già acclamato interprete al Teatro Pergolesi di Jesi de “I Puritani”, “Elisir d’amore” e “Il barbiere di Siviglia”. Completano la compagnia di canto Alessandro Scotto di Luzio (Lord Arturo Bucklaw), Giovanni Battista Parodi (Raimondo Bidibent), Cinzia Chiarini (Alisa), il tenore marchigiano Roberto Jachini Virgili(Normanno). Per l’anteprima giovani riservata alle scuole di giovedì 22 novembre alle ore 16 i protagonisti sono Alexandru Aghenie (Lord Enrico), Romina Casucci (Miss Lucia) e Giacomo Patti (Sir Edgardo di Ravenswood). Sul podio dellaForm Orchestra Filarmonica Marchigiana dirige Matteo Beltrami,  giovane direttore genovese che si sta affermando sui palcoscenici più prestigiosi sia in Italia sia all’estero. Il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” è diretto da Pasquale Veleno.

 

 

In un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con i Teatri del Circuito Lirico Lombardo, il Teatro dell’Aquila di Fermo, il Teatro Coccia di Novara ed il Teatro Alighieri di Ravenna, rivive per la regia diHenning Brockhaus uno dei più celebri allestimenti operistici realizzati in Italia dallo scenografo Josef Svoboda, profondo innovatore del teatro del ‘900 e grande maestro della luce e delle illusioni sceniche. A lui, in occasione dei dieci anni della scomparsa, la Fondazione Pergolesi Spontini ha dedicato la Stagione Lirica 2012, e nel suo nome prosegue il progetto di ricostruzione di tre spettacoli di successo: dopo la celebre “Traviata degli specchi”, allestita nel 2009-2010, e dopo “Macbeth” nel 2012, viene proposta “Lucia di Lammermoor”. Svoboda aveva immaginato per l’opera di Donizetti scene di notevole suggestione poetica, che sono state fedelmente ricostruite nei Laboratori Scenografici della Fondazione Pergolesi Spontini, a Jesi, da Benito Leonori, già allievo e collaboratore dell’artista boemo. I costumi sono di Patricia Toffolutti, le coreografie di Emma Scialfa. Nello spettacolo è presente tutta la semplicità e il genio di Svoboda. La scenografia vede una grande pergamena stropicciata che scorre lungo il muro del palcoscenico, rivelando, nascondendo e riflettendo personaggi ed azioni. Il tessuto “psicoplastico” (termine coniato da Svoboda per identificare la tela con la doppia proprietà di riflettere le immagini proiettate e far trasparire i personaggi) si dispiega, diventando montagna, nuvole, mare, sudario immaginario che avvolge la follia di Lucia. Rispetto all’edizione originale, il nuovo allestimento dell’opera prevede nuovi costumi e nuove luci, ed inoltre una regia – ha spiegato Henning Brockhaus, in conferenza stampa oggi (giovedì 22 novembre) al Teatro Pergolesi – “meno realistica e più poetica ed onirica, per rendere appieno il complesso mondo di Lucia, una donna che ama e vive le sue emozioni con pienezza in un mondo di uomini che vivono in maniera unilaterale, pensando solo alla vendetta e alla brama di potete; Lucia verrà condotta alla follia da giochi di potere e inganni ad esso legati, ed è una figura ancora attuale e contemporanea”. “Per valorizzare la componente poetica ed emozionale della storia – ha aggiunto Benito Leonori – l’impianto scenografico di Svoboda è rimasto lo stesso ma nelle proiezioni irrompe il colore, rispetto al bianco e nero originale”.

“Lucia di Lammermoor” di Donizetti (1935) manca dal Teatro Pergolesi dal 2007 e racconta l’amore segreto sorto fra Lucia ed Edgardo, membri di due famiglie antagoniste, la prima appartenente a quella degli Asthon e il secondo a quella dei Ravenswood. E’ un’opera molto amata a Jesi dove è stata rappresentata, dal 1838 al 2007, in 16 stagioni liriche. Per la Stagione Lirica 2012, Lucia di Lammermoor riserva una novità: nell’accompagnamento della scena della pazzia di Lucia, al terzo atto, non sarà il flauto a dialogare con il soprano ma l’arpa. La cadenza, generalmente affidata ad un flauto o alla glassarmonica, è stata riscritta per arpa dal direttore d’orchestra Matteo Beltrami. Tale scelta è stata dettata dall’esigenza di tradurre musicalmente l’idea condivisa con il regista Henning Brockhaus che Lucia non impazzisce improvvisamente, ma più semplicemente taglia ogni legame con quel mondo che l’ha tradita e di cui non vuol più far parte; il suo è un regredire al primo atto, alla giornata in cui ha vissuto gli ultimi attimi felici con Edgardo,  ed è dunque accompagnata da reminescenze tematiche del primo atto rese dal timbro cristallino dell’arpa.

Comunicato da: Fondazione Pergolesi Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.