Lui chiuso nel balcone mentre la compagna si prostituisce. Denunciato | | Password Magazine

Lui chiuso nel balcone mentre la compagna si prostituisce. Denunciato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine d'archivio

ANCONA – Ad Ancona un uomo spesso restava chiuso fuori dal balcone di un appartamento del centro. In realtà, all’interno dell’abitazione c’era una ragazza poco più che ventenne, di nazionalità rumena,  che si prostituiva e all’arrivo dei clienti, di comune accordo con il compagno italiano, lo chiudeva fuori dalla portafinestra della cucina per garantire la privacy.

Terminata la prestazione sessuale, la donna riapriva la finestra e lo faceva entrare in casa.

Questo è quanto hanno scoperto i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, Sezione Antiprostituzione dopo diversi ore di appostamento e di osservazione.

La storia andava avanti dallo scorso luglio: alcune avvisaglie erano giunte agli investigatori della Squadra Mobile a partire dalla fine di dicembre e di qui, dopo una serie di servizi di appostamento fatti in un cortile limitrofo all’abitazione attenzionata, avevano intuito cosa stesse accadendo all’interno della casa. Giorno dopo giorno gli investigatori hanno potuto constatare che un uomo di circa 40 anni veniva chiuso dalla sua compagna fuori nel balcone dell’abitazione, in modo palesemente consenziente.

Ulteriori indagini hanno permesso di capirne i motivi.
Le ricerche fatte nelle hard online dagli investigatori hanno permesso di rintracciare il numero di telefono collegato all’appartamento. Di seguito, un agente della Sezione anti prostituzione della Squadra Mobile, spacciandosi per finto cliente, ha fatto ingresso in casa e dopo aver preso appuntamento con la donna e, subito dopo essersi qualificato, ha permesso l’accesso agli altri poliziotti che, dapprima hanno fatto rientrare l’uomo – nel frattempo chiuso fuori sul balcone come al solito – e, successivamente, hanno proceduto al controllo e all’identificazione della coppia.

In realtà, il 40enne, locatario dell’appartamento, era d’accordo sul modus operandi e ne favoriva la prostituzione della donna.

Per questo la Squadra Mobile della Questura di Ancona lo ha deferito alla competente Procura della Repubblica di Ancona ritenendolo responsabile dei reati previsti e puniti dalla legge Merlin, ovvero favoreggiamento della prostituzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.