L'ultimo saluto a Gennaro Pieralisi: «Imprenditore saggio e generoso» | Password Magazine

Festival Pergolesi

L’ultimo saluto a Gennaro Pieralisi: «Imprenditore saggio e generoso»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

20201109_152821~2

JESI – Il Gruppo industriale, l’hotel, i media, lo sport, i frutti della terra e poi anche il museo Federico II. Sono solo alcune delle tante opere collegate alla figura dell’ingegner Gennaro Pieralisi. Un imprenditore brillante, intuitivo, coraggioso: capace di gettare l’occhio oltre il confine della città ma con i piedi sempre ancorati alle radici. Di Jesi amava tutto, anche la storia. Era convinto che ci fosse qualcosa di divino in quella J iniziale «una lettera che non è nel nostro alfabeto – aveva raccontato a Password in un’intervista – sicuramente deriva da Jesus e caratterizza il nome della nostra città».

In fondo, Gennaro era un uomo credente. Lo ha detto anche il Vescovo Don Gerardo che, nel primo pomeriggio di oggi, ha celebrato il rito funebre al Duomo.

20201109_143037

La cerimonia si è svolta nel cuore della città, proprio vicino al museo Federico II, fondato e inaugurato dall’ingegnere nel 2017 e poi donato al Comune.

L’imprenditore era scomparso sabato scorso, all’età di 82 anni.

In tanti ad attendere, seppur distanziati, l’arrivo del feretro davanti la chiesa. Posti a sedere tutti occupati, anche all’interno della Cattedrale, pur nel rispetto delle norme anti-covid e della sicurezza garantita dai volontari dell’Associazione nazionale carabinieri e della Polizia locale.

Oltre ai familiari, erano presenti il sindaco Massimo Bacci e il vice sindaco Luca Butini. In chiesa anche il Governatore delle Marche Francesco Acquaroli.

C’erano poi politici, imprenditori, amici, rappresentanti del mondo dell’associazionismo e dello sport, dipendenti. Anche le ragazze del volley in divisa.

«Il nostro Cammino non è verso la morte è piuttosto  verso l’incontro con Dio – ha detto il vescovo, ricordando la fede dell’ingegnere nella vita eterna -. A Gennaro il Signore ha dato doni come l’intelligenza, l’intraprendenza, la sapienza, la saggezza e la generosità. Ha vissuto la sua vita senza sprecarla, in pienezza. Lui rinconosceva che la Vita andava oltre la partenza, che l’esistenza è precaria e va basata su ciò che è consistente. Non ci resta che ringraziare  per i doni che quest’uomo ha fatto alla comunità».

All’uscita del feretro dalla chiesa, un applauso ha spezzato il silenzio carico di commozione. Non servivano in fondo, altre parole. Per lui sono sempre stati i fatti a parlare, a fare rumore. E lo faranno per sempre.

A cura di Chiara Cascio 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.