Lupetti contro lo spreco alimentare, l’iniziativa del Gruppo Scout Jesi 6

JESI – Esperienza interessante e da prendere come esempio quella che ci è stata raccontata dai lupetti del gruppo Scout Jesi 6 della parrocchia San Massimiliano Kolbe: “I lupetti contro lo spreco alimentare”, un racconto che ci spiega tematiche a noi vicine, ma che forse non vogliamo vedere.

Ogni anno, i capi dei lupetti pensano un percorso da sottoporre loro riguardo tematiche di attualità che magari vedono tutti i giorni, senza però prestarci troppa attenzione: i bambini, di circa 10 anni, quest’anno si sono confrontati con il delicato tema dello spreco alimentare: «“I lupetti contro lo spreco alimentare” è il titolo che abbiamo voluto dare all’insieme di attività intraprese da novembre – commenta Luca Ceccarelli, uno dei capi – con l’obiettivo di far riflettere i bambini su questo problema che sta purtroppo prendendo sempre più campo. Quello che gli ripetiamo sempre è che devono lasciare il mondo un po’ meglio di come l’hanno trovato; ecco, credo che questo sia il significato dell’intero percorso». Attraverso delle riunioni informative, i capi hanno illustrato loro il problema con l’ausilio di video ed immagini in tono ludico, così da responsabilizzarli il più possibile. Alla fine del percorso devono poi mettere in pratica quanto appreso attraverso l’attività di servizio: andare nel concreto del problema e mettere in atto azioni che possano dare una mano agli altri.

Senza alterare l’innocenza del racconto, abbiamo voluto che fossero proprio i bambini a raccontarvi quella è stata l’esperienza.

E allora, buona lettura!

Ciao, siamo i lupetti del gruppo Scout Jesi 6 della parrocchia San Massimiliano Kolbe e volevamo raccontarvi la nostra esperienza contro lo spreco alimentare. Tutto è iniziato quando i nostri capi ci hanno proiettato un video riguardante una tipica cena di famiglia, ma sapete quanto cibo viene sprecato ogni giorno in una casa? E in Italia? E in tutto il mondo? Ve lo diciamo noi…TROPPO! In un sondaggio fatto ai passanti del nostro quartiere abbiamo scoperto quanto le persone fossero informate riguardo questo argomento. Ci siamo quindi sorpresi nel renderci conto che la maggior parte degli intervistati erano coscienti dell’importanza del cibo. E allora, raccolti tutti i dati, ci siamo messi in azione… Ora toccava a noi darci da fare! Il 6 aprile ci siamo recati al supermercato per raccogliere alimenti a lunga conservazione. Responsabilizzati da questo compito siamo giunti alla Caritas con questo piccolo omaggio. Il signor Marco, il direttore della Caritas di Jesi, ci ha accolto e spiegato l’organizzazione di questa struttura. Poi, insieme all’aiuto dei volontari esperti della Caritas, abbiamo svolto diversi compiti: differenziare la spazzatura, apparecchiare e sparecchiare la tavola, risistemato il magazzino e infine pulire la sala della mensa (Sshh!! Mi raccomando, non ditelo ai nostri genitori!!). Possiamo dire che questa piccola esperienza ci ha resi più consapevoli della nostra fortuna e che oltre a donare un piccolo pacco di pasta, abbiamo dato a chi ne aveva tanto bisogno la cosa più preziosa che abbiamo: il nostro tempo.

Speriamo che leggendo questo breve articolo anche tu d’ora in poi starai più attento a rendere la tua tavola più ricca di persone che di cibo.

Buona Caccia!
I lupetti Alessandro, Alessio, Camilla, Chiara, Eleonora, Filippo, Linda, Lorenzo e Ruben.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*