M5S, Banca Marche al primo Consiglio regionale del 2016 | | Password Magazine
Festival Pergolesi

M5S, Banca Marche al primo Consiglio regionale del 2016

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MARCHE – Il primo Consiglio Regionale del 2016 avrà all’Ordine del Giorno la questione “Banca Marche”.

Il M5S, assieme a tutte le opposizioni, ha infatti preteso ed ottenuto che fossero iscritte all’Ordine del Giorno dell’Assemblea Legislativa del 12 gennaio prossimo, le Mozioni presentate subito dopo lo scandaloso Decreto Salva Banche. Un provvedimento assurdo che ha di fatto cancellato un diritto sancito dalla Costituzione. Un precedente pericoloso che rischia di minare la salvaguardia dei risparmi di tutti gli italiani e non solo dei 130mila azionisti ed obbligazionisti di Banca Marche, Banca Etruria, Cariferrara e Carichieti.

I 5 Stelle chiedono al Presidente Ceriscioli di attivarsi presso il Governo Renzi per proporre un immediato ripensamento che riconsideri l’intera risoluzione e salvaguardi nel miglior modo possibile gli azionisti e gli obbligazionisti subordinati, privilegiando i risparmiatori privati, permettendo loro di rientrare almeno parzialmente dalle perdite, ad esempio tramite partecipazioni future nella nuova banca e/o negli utili della bad bank.

Al Presidente della Giunta regionale i 5 Stelle chiedono anche di valutare la fattibilità di una impugnazione presso la Corte Costituzionale del Decreto Legge 183/2015 per farsi parte attiva in azioni collettive, tramite un pool di avvocati, e creare un fronte comune contro un provvedimento penalizzante per il nostro territorio, per i risparmiatori marchigiani e per il futuro degli otre 2000 posti di lavoro marchigiani.

“Ieri, assieme a tantissimi cittadini – afferma in una nota la Consigliera Regionale Romina Pergolesi che ha presentato la mozione – ho partecipato al presidio organizzato dall’Associazione Vittime del Salva-Banche e dall’Associazione Azionisti Privati Banca Marche davanti alla principale sede operativa di BM di Jesi. Una manifestazione di protesta non contro i dipendenti dell’Istituto, vittime loro stessi del famoso Decreto, ma contro le truffe perpetrate dalla vecchia banca ai danni dei propri clienti risparmiatori. Contro l’indolenza della Nuova Banca Marche nel trovare una soluzione per le vittime di questa “criminale” manovra. Contro Banca d’Italia e Consob per la loro responsabilità nella mancata vigilanza e attivazione delle corrette procedure e contro questo Governo che non solo non è più in grado di tutelare i suoi cittadini, ma addirittura è l’artefice del provvedimento che li danneggia.”

“Riteniamo gli impegni della mozione oggettivamente condivisibili in quanto puntano ad esigere il rispetto di diritti Costituzionali dei risparmiatori e dei cittadini. Ci auguriamo per tanto un’approvazione a larga maggioranza e vista l’importanza della questione invitiamo tutti i cittadini ed i diretti interessati a partecipare al prossimo Consiglio Regionale.

Comunicato da: Romina Pergolesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.