M5S Marche: "Banca Marche, la Regione faccia la sua parte" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

M5S Marche: "Banca Marche, la Regione faccia la sua parte"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Un ripensamento e una modifica del provvedimento della Banca d’Italia sul salvataggio di Banca Marche”. E’ la richiesta contenuta in una risoluzione presentata oggi in Consiglio regionale, dalla consigliera del M5S, Romina Pergolesi, a nome di tutto il gruppo, e sottoscritta da tutta l’opposizione, ad esclusione del consigliere Mirco Carloni (Marche 2020 – Ap). Banca Marche è stata dichiarata fallita malgrado il patrimonio netto positivo di 100 ML da un provvedimento politico che nulla ha a che fare con l’andamento del mercato finanziario.

La stessa commissione europea ha smentito il governo ribadendo che potevano essere adottate altre soluzioni, in alcuni casi si era già attivato il fondo di tutela.

Per questo la risoluzione impegna la Giunta ad “esigere” un ripensamento “ e chiede la modifica di una azione che spoglia i cittadini dei loro diritti a vantaggio delle banche, a richiedere la sospensione di qualsiasi provvedimento definitivo sino alla valutazione ultima prevista dal decreto 180/2015.

“Sono i risparmiatori e i clienti retail – evidenzia Pergolesi – a dover essere privilegiati prioritariamente rispetto agli investitori professionali e istituzionali, in modo che possano rientrare dalle perdite attraverso il riconoscimento di un valore seppur minimo delle azioni o obbligazioni, a partecipazioni future nella nuova banca o negli utili della bad bank o in quelli eventualmente derivanti dalla vendita della nuova banca o altre forme di tutela dei risparmiatori”.

“Chiediamo a gran forza, è evidenziato nella mozione, l’impugnazione, da parte della Regione del decreto 118 perché palesemente incostituzionale e questo entro il 21 gennaio pena la possibilità di fare veramente qualcosa con i fatti e non con le parole come questo governo regionale da sempre fa.

Prendere tempo con l’istituzione di una commissione d’inchiesta, proposta dal Pd, è tristemente offensivo per i cittadini scippati dei loro diritti.”

Nella risoluzione viene inoltre chiesto di avviare immediatamente un’istruttoria da parte dei competenti uffici regionali finalizzata a una rapida valutazione della percorribilità di un’impugnazione presso la Corte Costituzionale dei provvedimenti in questione, a relazionare alla competente commissione consiliare sugli esiti di tale valutazione, a mettere in campo ogni azione volta a salvaguardare i livelli occupazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.