M5S su Discarica: "Una bomba ecologica che si continua ad alimentare" | | Password Magazine

M5S su Discarica: “Una bomba ecologica che si continua ad alimentare”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Si pubblica di seguito il comunicato stampa del M5S Maiolati Spontini:

“Altri 200 mila mc di rifiuti speciali e pericolosi per altri 2/3 anni di attività andranno a far compagnia ai circa 4 milioni di mc già sotto ai nostri piedi a partire dal 1987, una bomba ecologica che si continua ad alimentare, dato che la decisione della Provincia potrebbe legittimare ampliamenti fino a altri 570 mila mc, cioè altri 7/8 anni di interramento!!

Non più tardi di alcuni mesi fa, la Provincia prima e il TAR dopo, bocciano un ampliamento che prevedeva 900 mila mc di rifiuti speciali e pericolosi da interrare per ulteriori 11 anni di attività, in quanto il sito della Cornacchia è troppo vicino al centro abitato, in presenza di una norma che impone, invece, un minimo di 2 Km di distanza.

Oggi, a distanza di poco tempo, invece, la stessa Provincia autorizza una variante da 200 mila mc di abbancamenti che, potenzialmente, potrà arrivare fino a 570 mila mc. Ma il sito dell’impianto è sempre il medesimo, come la distanza dal centro abitato!!

Per 900 mila mc si è applicata la distanza a tutela della salute dei cittadini, per 570 mila mc questa tutela scompare?!

L’atto autorizzativo, a firma di Sergio Bugatti, si basa sul contributo decisivo della Regione che, ad esser buoni, può essere definito “del tutto fantasioso” (ma ad essere cattivi, “una vera porcata”).

Ma per renderci conto di questo “obbrobrio amministrativo”, ripercorriamo brevemente la vicenda, ripartendo dalla Determina n. 961 del 9 giugno 2016, con cui è stato negato l’ampliamento di 900 mila mc della Discarica. Ne riportiamo un estratto:

“… (omissis) … in esito alla partecipazione del pubblico e degli Enti locali nel procedimento, è emersa la forte contrarietà al progetto di ampliamento. Una delle cause di questa opposizione è il raggiungimento del limite di TOLLERANZA della popolazione del luogo verso un impianto sempre meno destinato alle esigenze della popolazione residente (per lo smaltimento di RSU) e sempre più votato agli interessi delle aziende produttrici di rifiuti speciali, non solo locali. … (omissis) … In merito agli aspetti localizzativi, l’intervento proposto non rispetta la distanza minima di 2.000 m dai centri abitati, stabilita dalla DACR 66/2013. E’ evidente come la distanza dal centro abitato rappresenti un fattore progettuale di gran peso rispetto alla scelta della localizzazione del sito, in particolare rispetto ai potenziali EFFETTI SANITARI e SOCIALI … (omissis) … nel confermare il carattere ambientale del PRGR, rappresenta che lo stesso persegue obiettivi di sostenibilità ambientale attraverso il raggiungimento di ottimali prestazioni in termini di gestione integrata dei rifiuti urbani e la corretta gestione dei rifiuti speciali. In particolare, la distanza MINIMA di 2000 m dal centro abitato costituisce un criterio di MASSIMA TUTELA del territorio, posto a fondamento del rigetto di alcune osservazioni finalizzate alla sua riduzione. Nell’ottica del necessario bilanciamento degli interessi, risulta evidente che la proposta progettuale non presenta i caratteri di iniziativa volta al soddisfacimento dell’INTERESSE COLLETTIVO e dell’utilità socio-economica superiore ai DIRITTI DEI CITTADINI e degli Enti locali interessati, più direttamente incisi dall’impianto, in particolare il fortemente contrario Comune di Castelbellino. Nella valutazione globale, tesa a contemperare gli interessi contrapposti alla realizzazione dell’opera, si ritiene quindi di esprimere giudizio di compatibilità ambientale NEGATIVO. … (OMISSIS)…”.

Con questo diniego, un anno fa, si fermava l’interramento di 900.000 mc di rifiuti speciali e pericolosi. Oggi, tutte le buone, ragionevoli, sensate e reali motivazioni della suddetta Determina provinciale, supportate da ineccepibile normativa (rispetto della distanza dai centri abitati), sono all’improvviso scomparse! Ad un anno di distanza viene dato l’OK ad un interramento potenziale di quasi 600.000 mc di quei rifiuti! E questo dimostra come ai politici PD ed ai loro asserviti burocrati non sta certamente a cuore l’interesse collettivo, i diritti dei cittadini, la massima tutela della salute pubblica, ecc., di cui si riempiono la bocca in ogni occasione, per poi sacrificare il tutto sull’altare del “dio denaro”!

Il 18 maggio u.s., relativamente all’ampliamento verticale della Cornacchia, la Presidente della Provincia Serrani, massimo organo rappresentante del PD in Area Vasta, dichiarava ai giornali: “La discarica verrà ampliata … Questione di giorni”.

Uno dei pareri decisivi, per poter valutare le varianti in termini di sicurezza ambientale e di salute pubblica, è stato redatto dall’ARPAM il 5 giugno u.s. E’ un parere positivo che ha rassicurato il Dirigente provinciale nel rilascio dell’autorizzazione, ma lascia ancora forti dubbi. La Serrani, il 18 maggio, evidentemente, già sapeva degli esiti delle complesse istruttorie tecniche, ancora prima che queste venissero scritte ed inviate al Dirigente provinciale.

Poteri “preveggenti”? O “ingerenti”?!

Altrettanto forti nella previsione sono state le parole pronunciate qualche mese fa dal Sindaco di Ancona, alto esponente del PD, che senza alcuna diplomazia, come fosse a casa sua, ha quasi “ordinato” di far “aprire questa discarica e basta!”.

Poteri “ingerenti? O “prepotenti”?!

I Sindaci di area CIS, in gran parte PD, sono muti, sembrano paralizzati, ad esclusione della posizione ferma, assunta da quelli di Castelbellino e Belvedere Ostrense.

Niente ferma il “Partito degli Affari”: il PD non ha alcuna intenzione di cambiare il sistema di gestione dei rifiuti, con una politica di riconversione dell’impianto, in un’ottica di tutela dell’ambiente e della salute e secondo le direttive europee che escludono le discariche.

Questa politica degli affari, basata sull’interramento ad oltranza, avendo come unico fine il “fare soldi ad ogni costo”, va contro gli interessi della collettività e deve essere assolutamente fermata.

Noi continueremo a lavorare per la legalità ed il rispetto dei diritti dei cittadini prendendo atto, ahimè, che ancora una volta il PD regionale, provinciale e soprattutto maiolatese ha perso l’occasione per iniziare un vero sviluppo di tutta la Vallesina”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.