Ma è un problema il monumento a Pergolesi da spostare? Confronto tra i 6 candidati a Sindaco | Password Magazine

Ma è un problema il monumento a Pergolesi da spostare? Confronto tra i 6 candidati a Sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il monumento a Pergolesi dove lo metto? Il refrain continua ma ognuno dei sei candidati a Sindaco resta sulle sue posizioni.
Non va spostata dicono all’unisono tutti e 5 tranne il sesto, il Sindaco uscente, che si ripropone appoggiato da 4 liste civiche, Massimo Bacci.
“Inutile insistere – dice in sostanza – la statua va spostata, magari di qualche metro in meno rispetto ai 18 previsti ma va spostata, come da progetto di riqualificazione della piazza omonima e del corso. Il mio ruolo di amministratore della cosa pubblica, volendo farlo bene, non mi lascia altra scelta”.
Mica ci si può rimangiare tanto semplicemente quello che è stato deciso e fatto di fronte a un preciso iter a evidenza pubblica.
L’appuntamento, ieri 9 maggio, nella Sala del Lampadario del Circolo Cittadino, organizzato dal comitato “Nessuno Tocchi Pergolesi”, che ha chiesto il referendum abrogativo in merito allo spostamento, dove i candidati si sono affrontati sul tema.
La questione è risaputa, ormai, talmente risaputa che, al tirar delle somme, ci si aspettava qualcosa di più sanguigno, di più incisivo. Insomma, qualcosa di vibrante che facesse infiammare la platea. Invece no. Ognuno ha recitato il suo compitino. Garbatamente.
Oddio, qualcosa ci hanno provato a dirla, di provocatorio, la Silvia Gregori della Lega Nord, che spiccava con i suoi capelli corvini di fronte a tanta mancanza degli altri. Di capelli.
“Non va toccata, siamo contrari. Però è un falso bersaglio. Questa iniziativa ha una precisa connotazione politica. Non è un problema. Ce ne sono di più importanti”.
Ci ha provato anche Osvaldo Pirani (Pd) con il suo “Bacci è stato un Sindaco ondivago. Ma un Sindaco le scelte le gestisce non le deve subire. E il referendum proposto dal Comitato sta evitando, per ora, uno scempio immediato”.
Ci ha provato Massimiliano Lucaboni, lista civica di centro destra Libera Azione: “Il progetto non mi piace nel suo insieme e la statua rimanga comunque dov’è”. Poi la stoccatina: “Sembra il rifacimento di una piazza in stile sovietico anni ‘50”.


Ci ha provato pure Samuele Animali – Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra – il quale ha ribadito che lui certe cose non le farebbe mai perché è da chiedersi “se è necessario spendere per spostare, le priorità sono altre. Anche se non esiste niente di intoccabile”.
E ci ha provato Luca Bertini, pentastellato grillino, ultimo arrivato in lizza, per il quale “sostenere il referendum è importante, rappresenta il mezzo perché il cittadino possa esprimersi in merito. No allo spostamento, siamo per riorganizzare e non per stravolgere”.
All’inizio l’appassionato intervento del presidente del Comitato, Vittorio Massaccesi, che ha perorato la causa del no allo spostamento appellandosi a motivi storici (proiettato anche un video di Geniale Olivieri che era riuscito a recuperare le riprese relative all’inaugurazione del monumento, risalenti al 1910), culturali e urbanistici. E un inciso di Gabriele Fava per il quale “bisogna pensare anche alla valorizzazione di San Nicolò come impegno prioritario nei vostri programmi”.
Insomma, argomento interessante senza dubbio però, per favore, dateci di più. E diteci di più.
Jesi ve lo chiede.
A cura di Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.