Maddalena, dopo l'autopsia i funerali in forma privata | Password Magazine

Maddalena, dopo l’autopsia i funerali in forma privata

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – Si svolgeranno in forma privata, per via delle normative covid, i funerali di Maddalena, terzogenita di Carlo Urbani prematuramente scomparsa a 20 anni sabato pomeriggio, a Roma. Domani l’autopsia, slittata di un giorno, che sarà utile a stabilire le cause del decesso: al momento l’ipotesi è di over dose.
Sono ancora tante le domande intorno alla morte della ragazza: è stata la droga la causa? Si poteva fare qualcosa per evitare la tragedia, soccorrendola in tempo? Solo l’esame autoptico potrà dare risposte certe su quanto accaduto.

Dopodiché, la salma potrà rientrare a Castelplanio dove sarà allestita la camera ardente presso la Casa funeraria di Gruppo Bondoni. Dopo le esequie, la tumulazione nel cimitero locale. Intenzione della famiglia sarà di commemorarla in una cerimonia pubblica, non appena la pandemia lo permetterà.

«Al contrario di ciò che si può pensare Maddalena non aveva dipendenze, stava solo affrontando un periodo complesso. Se stai affrontando un momento negativo, è comunque difficile non cadere in trappola, soprattutto se si lavora e abita in un ambiente lontano da casa»: queste le parole del fratello Luca Urbani, 25 anni, secondogenito di Carlo, che ha parlato per la famiglia. Chiusa nel suo dolore la mamma, Giuliana Chiorrini, mentre Tommaso, il fratello maggiore e presidente dell’Aicu, sta cercando di rientrare in Italia dall’Africa dove era impegnato con Medici Senza Frontiere.

Maddalena viveva da due anni a Perugia, dove lavorava come barista. Era in cerca della sua strada, come ogni ragazza di vent’anni. Da sempre la piccola di casa, cercava una sua indipendenza. Con il suo carattere spontaneo, solare e determinato, stava cercando di costruire il suo futuro senza dover chiedere niente a nessuno.

Dentro lei, la grande ferita segnata dalla perdita del padre, avvenuta quando lei aveva solo tre anni.

 «Maddy non è probabilmente riuscita a superare la grande tragedia familiare, accaduta 18 anni fa, proprio in questi giorni» dice la nota dell’Aicu.

Dell’infanzia trascorsa in Vietnam con il babbo, mamma Giuliana e i fratelli Tommaso e Luca ci sono immagini sul web. In una lettera del 5 maggio 2002, lo stesso medico-eroe vittima della Sars metteva a fuoco il carattere deciso di ‘Maddy’: «Maddalena è la nostra sorpresa, da un anno la mandiamo all’asilo vietnamita. La conseguenza, però, è che non ne vuole sapere di parlare italiano…».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.