Maggioranza Jesina: “Codice Rosso” un primo passo per tutelare l’incolumità della donna

JESI – Ha fatto discutere l’ordine del giorno presentato dalle consigliere di maggioranza presenti ieri in consiglio comunale a Jesi sul DDL “Codice Rosso” nato dall’attuale governo. Le consigliere Garofoli, Elezi e Pierantonelli oggi hanno inviato una nota stampa per sottolineare l’importanza di tutelare l’incolumità della donna.
Il testo: “Codice Rosso” , l’Odg da noi presentato, e condiviso da Claudia Lancioni – Movimento 5 Stelle – che ha acceso il confronto nella seduta del Consiglio Comunale di ieri, è un tema di grande rilevanza per l’aspetto e la volontà che ne è alla base, la tutela dell’incolumità della donna, vittima di violenza, che denuncia e la sua protezione. In tal senso, importante, a nostro avviso, è il DDL “Codice Rosso” in cui si pone l’accento sull’importanza di intervenire tempestivamente, abbattendo i tempi di giustizia, dando una sorta di “corsia di emergenza/precedenza” alle relative indagini e riducendo solo a 3 giorni il lasso di tempo per essere ascoltate dal Magistrato.
Finora, spesso, ci si è lamentati nel veder passare troppo tempo fra la denuncia presentata e l’effettivo ascolto, con esiti a volte tragici per le donne. Importante quindi è la volontà di mettere in atto le misure necessarie per garantire una maggior protezione della vittima. Abbiamo cercato di porre un “mattoncino” nella costruzione di qualcosa di nuovo, di diverso, di utile per le donne vittime di soprusi e di violenze e confidiamo nell’impegno di parlamentari, amministrazioni ed enti affinchè ci sia la più ampia condivisione, divulgazione e sostegno di questo disegno di legge, verso una rapida approvazione.

Maria Chiara Garofoli – Jesinsieme
Giannina Pierantonelli – Patto x Jesi
Lindita Elezi – Patto x Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*