Maiolati, a teatro con "El Passì" per la costruzione di un campus scolastico in Tanzania | | Password Magazine

Maiolati, a teatro con “El Passì” per la costruzione di un campus scolastico in Tanzania

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – La Compagnia teatrale “El Passì” sarà di scena sabato 6 maggio, alle 21.15, al teatro Gaspare Spontini.
Dopo il successo ottenuto recentemente con la “prima” al Pergolesi di Jesi, stavolta in scena andrà la solidarietà, con una iniziativa che da anni è nata per contribuire alla crescita anche culturale di bambini in Tanzania. E “El Passì” si presta, per la settima primavera consecutiva, a rappresentare la sua commedia annuale e la più recente: “Ma lia a lù… que jera?”, commedia brillante in due atti in dialetto jesino, scritta da Maurizio Gironi per la regia di Walter Ricci. Interpreti Maria Carla Cesaroni (Norina), Stefano Bonazza (Cesare), Carolina Trillini (Lisetta), Mauro Rosati (Osvaldo), Maria Giannetta Grizi (Malvina), Roberto Fava (Domenico), Laura Pigliapoco (Agnese).
Così facendo, dà il suo contributo alla costruzione del Campus Scolastico di Mapinga in Tanzania: una grande residenza che permetterà ai 500 bambini della vicina missione carmelitana di Chang’ombe di proseguire i loro studi fino alla maggiore età. Ciò che muove “El Passì” e la onlus “Il battito che unisce”, organizzatore dal 2011 di questo e di altri eventi di fundraising per la costruzione del Campus, è la convinzione che sempre più bambine e bambini debbano esercitare il loro diritto di frequentare regolarmente la scuola, indipendentemente dalle condizioni sociali o dal credo religioso.
Vivere, crescere e istruirsi in un ambiente rispettoso dei loro diritti permetterà a questi bambini di diventare adulti consapevoli e forti, capaci di migliorare la propria vita e quella della propria comunità. Sembra impossibile non condividere tali motivazioni, soprattutto oggi, quando è ormai evidente a tutti che monti e mari non bastano più a fermare chi si muove per cercare altrove quei diritti che gli sono negati nel proprio paese. “Il Battito Che Unisce” nasce nel 2008, tra le colline marchigiane, a Moie, grazie ad un semplice gruppo di laici pronti ad accogliere la richiesta di aiuto della missione carmelitana di Chang’Ombe, in Tanzania. Il progetto comprende la costruzione di un edificio scolastico per circa 500 allievi, mensa, dormitorio, aula magna, piccolo alloggio che ospiterà le insegnanti e poi le suore, dispensario medico, pozzo per l’acqua completo di pompe e cisterne, impianto fotovoltaico, realizzazione degli orti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.