Maiolati, approvato il bilancio preventivo 2013 | Password Magazine
Festival Pergolesi

Maiolati, approvato il bilancio preventivo 2013

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI  –Il Consiglio comunale ha approvato il bilancio preventivo 2013 e il piano triennale dei lavori pubblici. Un passaggio fondamentale nella gestione finanziaria di ogni ente locale, che l’Amministrazione di Maiolati Spontini è riuscita a licenziare, mai come quest’anno con grosse difficoltà, entro la scadenza del 31 dicembre. Dopo la presentazione nel corso di un’assemblea pubblica, il sindaco Giancarlo Carbini ha ribadito in aula (giovedì 27 dicembre) i punti salienti della nuova manovra finanziaria comunale.

“E’ un bilancio che – ha osservato il primo cittadino – a fronte di un saldo negativo di quasi 500.000 euro rispetto al 2012, dipenderà dalla discarica, per il 2013, per circa 600.000 euro, derivanti dagli introiti dell’utile della quota SOGENUS e dai proventi diretti. Una somma importante e in controtendenza rispetto agli anni precedenti, motivata solo dall’eccezionale momento, che vuole essere una concreta risposta all’onere che in tutti questi anni il nostro Comune ha dovuto affrontare nel gestire la discarica e nel garantire un servizio strategico all’intero territorio”. Il sindaco Carbini ha parlato del ricorso in maniera consistente, per il 2013, ai proventi della discarica come di una “soluzione difficile” perché il bilancio “deve trovare il suo giusto equilibrio fra le normali entrate, tremendamente sempre più ridotte, e le uscite, in costante aumento. Il sindaco ha anche polemizzato sui sacrifici richiesti ai Comuni, che “non hanno finora trovato analogo riscontro in quelli previsti per Ministeri, apparati centrali e Parlamento”, definendo poco comprensibile e “perfida la scelta del Governo di ridurre il numero dei consiglieri comunali, che percepiscono annualmente poche decine di euro, presentata come riduzione dei costi della politica mentre si tratta di una riduzione del livello della democrazia e della rappresentanza. Sottolineato questo, facendo nostra l’idea che chi fa politica e amministra deve essere guidato dallo spirito di servizio, ma convinti anche che può essere fatto con una giusta e onesta remunerazione a livello di rimborso, abbiamo voluto ancora una volta mandare un segnale a chi si ostina a mantenere livelli di remunerazione inaccettabili, riducendo di un ulteriore 10 per cento, per la terza volta, il compenso del sindaco e della giunta”. Dopo tali premesse, il sindaco ha illustrato i criteri guida alla base della redazione del bilancio preventivo 2013.

“Il 2012 si è concluso positivamente – ha osservato Carbini – grazie all’estinzione anticipata dei mutui, che ha fatto del nostro Comune uno dei pochissimi in Italia a debiti zero. Gli effetti di questa manovra ha liberato importanti risorse per le spese correnti e ci consentirà di poter finalmente spendere parte dei fondi accantonati negli anni precedenti e di realizzare parte delle opere bloccate e programmate da tempo”. Fra i principali interventi previsti nel 2013, la realizzazione secondo lotto del polo scolastico, il completamento dei lavori di ristrutturazione e messa a norma sismica della scuola materna, l’intervento di ampliamento del distretto sanitario, con il primo lotto della Casa della Salute, la riqualificazione di numerosi tratti di vie e marciapiedi e l’avvio del progetto MoBì relativo alle piste ciclabili”. Ma non solo. Nel bilancio 2013 sono stati mantenuti tutti i servizi previsti nel 2012 e il loro alto livello di qualità senza ritoccare nessuna tariffa e prevedendo anche alcune riduzioni come per l’asilo nido e il trasporto scolastico, e confermando l’istituzione del fondo straordinario per gli interventi nelle situazioni sempre più frequenti di grave disagio da parte dei cittadini.

Nella manovra del 2013 si mette in atto l’azzeramento dell’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per le spese correnti, come disposto dalle normative, e c’è il passaggio, anche questo previsto dalle leggi statali, dalla TARSU, tassa sui rifiuti solidi urbani, alla TARES, tassa sui rifiuti e servizi, che prevede una maggiorazione per finanziare anche la componente servizi. “Una misura obbligatoria – ha spiegato Carbini – che finirà come al solito al Governo, come minori versamenti al Comune e, in minima parte, a favore del Comune”.

Per quanto riguarda l’IMU, l’Amministrazione ha adottato un articolato regolamento che prevede di distribuire l’onere in maniera più equa sulle varie categorie, prevedendo un’aliquota contenuta pari allo 0,62 per cento per le seconde case concesse in uso gratuito a familiari entro il secondo grado di parentela, “ritenendo comunque accettabile l’aliquota dello 0,50 per cento per la prima casa che porta a una contribuzione sostenibile e generalmente inferiore a quella dell’ex ICI prima della sua inopinata soppressione e di contenere allo 0,88 per cento l’aliquota per gli edifici utilizzati per usi commerciali e artigianali e allo 0,15 per cento quella per gli edifici rurali”.

Confermate l’esenzione totale dall’addizionale IRPEF per i redditi fino a 12.000 euro e l’aliquota dello 0,5% per i redditi più bassi, mentre sale dallo 0,60% allo 0,62% per i redditi medi e si conferma allo 0,80% per i redditi più alti.

Comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.