Maiolati, attriti in Giunta sul Bilancio. M5S: «Fuori l'assessore ribelle» | | Password Magazine

Maiolati, attriti in Giunta sul Bilancio. M5S: «Fuori l’assessore ribelle»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – In questo periodo la maggioranza PD + Sinistra Unita del Comune di Maiolati è alle prese con il bilancio pluriennale 2018 – 2020.

«Tralasciando per il momento i dettagli tecnici del bilancio (che riprenderemo fra alcuni giorni cercando di informarvi su quanto ha deciso la Giunta per il 2018 ed in prospettiva anche per gli anni 2019 e 2020, in relazione ad IMU, TARI, TASI, trasporto e mensa scolastica, tariffe e prezzi in generale), quello che salta subito all’occhio è l’evidente, sofferta e per certi versi paradossale vicenda politica che si sta consumando all’interno della compagine di maggioranza, così come emerge da quanto sta accadendo, ormai ripetutamente, in Giunta -scrive in una nota stampa il Movimento 5 Stelle Maiolati Spontini – Infatti, nella delibera di Giunta Comunale n. 155 dello scorso 24 novembre, relativa all’approvazione dello schema di bilancio di previsione 2018-2020, si può leggere l’ennesimo scontro politico tra l’assessore Piergigli, esponente del gruppo consiliare Sinistra Unita, e il resto degli assessori della maggioranza PD».

Questo è quanto riportato, in grassetto, nel testo della delibera:

“L’Assessore Piergigli dà lettura della propria dichiarazione che viene di seguito riportata:«Pur condividendo lo spirito e gli obiettivi del Bilancio non posso esprimere un giudizio positivo, con l’unica motivazione che esso contiene un piano triennale delle opere pubbliche che non approvo.

Nel rispetto della mia appartenenza alla Maggioranza, non partecipo al voto e mi riservo di verificare la disponibilità del Sindaco e della componente maggioritaria della Giunta ad accogliere le proposte che sono state a più riprese fatte ed è ovvio che il voto in Consiglio dipenderà da ciò.

Dichiaro sin da ora che, se persiste questo atteggiamento di totale chiusura rispetto alle nostre proposte, la presenza in maggioranza del Gruppo Sinistra Unita non può che apparire superflua ed inutile».

 L’assessore Piergigli consegna la dichiarazione che viene conservata agli atti dell’ufficio ed esce dall’aula”.

«In un passaggio precedente abbiamo definito paradossale la vicenda politica, ma in realtà i paradossi sono due e sono legati agli “atteggiamenti e comportamenti” politici, sia dell’assessore Piergigli che del sindaco Domizioli – sostengono i grillini – Infatti, per prima cosa quando un assessore non si riconosce più nelle linee e negli indirizzi politici delineati dal sindaco (e successivamente cambiati), quando le sue proposte sono ignorate e non prese in considerazione, quando soprattutto non condivide il documento principale dell’attività amministrativa dell’ente, cioè il bilancio, le dimissioni dalla carica sono innanzitutto un obbligo morale per rispetto dei suoi elettori e del suo partito».

Secondo il M5S Maiolati Spontini l’atteggiamento del sindaco «oltre che paradossale è inspiegabile». Infatti «gli assessori non sono eletti dai cittadini, ma è lui che li nomina sulla base della fiducia che ripone in ognuno di loro, in relazione al suo programma politico che deve essere condiviso in ogni punto».

«La delega assessorile non è una delega in bianco, ma vale fino a che l’assessore condivide in tutto e per tutto gli indirizzi politico-amministrativi del sindaco. Quando vengono meno queste condizioni, il sindaco necessariamente ed obbligatoriamente deve “dimettere” l’assessore, ritirandogli(le) la delega – puntualizzano i grillini – Non può esistere un voto non unanime in Giunta! O gli assessori sono in perfetto accordo con il sindaco oppure si dimettono!E il sindaco non può stare in attesa (Di che cosa?! Che l’assessore abiuri se stesso e il suo partito per “amore” della carica e torni sui suoi passi con il capo coperto di cenere?!): Domizioli ha l’obbligo di dimissionare l’assessore (a) “ribelle”! Questi sono i comportamenti corretti che derivano dalla legge sull’elezione diretta del sindaco, a meno che non sia il solito teatrino a cui siamo abituati da tempo, in cui agli annunci e ai proclami non seguono mai i fatti. Queste sono le regole del gioco».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.