Maiolati condanna il “caso Lodi” contro ogni forma di discriminazione di accesso ai servizi

MAIOLATI SPONTINI – Condanna per un regolamento discriminatorio “che nasconde motivazioni ideologiche”, forte preoccupazione per il “diffondersi di comportamenti, atteggiamenti, prese di posizione che violano alcuni principi fondanti della nostra Costituzione” ma anche impegno a “verificare i regolamenti del Comune per eliminare ogni possibile forma di discriminazione di accesso ai servizi”, e a continuare l’opera di sensibilizzazione che in realtà l’Amministrazione porta avanti da anni sui temi dell’integrazione e della parità di trattamento. Sono questi i punti principali di un ordine del giorno dal titolo “Il caso Lodi e la discriminazione per asserita ‘insufficienza’ della certificazione ISEE” proposto dal Gruppo consiliare Pd e Indipendenti, con un’integrazione da parte del Gruppo Sinistra Unita, e votato all’unanimità dal Consiglio comunale nella seduta di martedì 30 ottobre.

Il caso Lodi viene raccontato nell’ordine del giorno come “la scelta, che si va diffondendo in molte Amministrazioni, di ostacolare l’accesso degli stranieri alle prestazioni sociali, ponendo a loro carico oneri documentali sproporzionati e inutili, in contrasto con la normativa ISEE”. Nel Comune di Lodi il regolamento per l’accesso alle prestazioni sociali agevolate prevede che i soli cittadini extra UE debbano presentare, contestualmente all’attestazione ISEE, anche una certificazione relativa alle proprietà di beni immobili o mobili, rilasciata dallo Stato di provenienza, tradotta e autenticata dall’autorità consolare italiana nel predetto Paese. Nell’ordine del giorno viene definita iniqua “la pretesa dei Comuni coinvolti perché in molti casi lo Stato di provenienza non ha possibilità di fornire le attestazioni richieste per mancanza di un sistema di catasto o di registri”.

Nell’ordine del giorno di Maiolati Spontini, votato all’unanimità, si richiama, fra gli altri, l’articolo 2 della Dichiarazione Universale dei diritti umani, i principi fondamentali sanciti dalla Costituzione della Repubblica Italiana, ma anche il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 2013 che regola l’ISEE. Si sottolinea, inoltre, l’ipocrisia di un provvedimento “che nasconde motivazioni ideologiche, politiche e culturali dietro uno strumento che richiama la peggior burocrazia che pone barriere insormontabili ai cittadini”, e la sua assurdità perché “va prima di tutto contro la logica del buon senso e della realtà”. Dopo aver espresso forte preoccupazione, l’assemblea degli eletti, tramite l’ordine del giorno approvato, ritiene di “richiamare l’attenzione e attivarsi per monitorare e contrastare i provvedimenti locali sul ‘modello Lodi’ che rischiano di avere per gli stranieri un effetto di esclusione pari a quello di un esplicito e inaccettabile divieto di accesso”. Si sottolinea, quindi, l’importanza dell’opera di sensibilizzazione e di integrazione già portata avanti dall’Amministrazione. E si impegna infine il Sindaco e la Giunta “a verificare i regolamenti del nostro Comune e, ove necessario, ad adeguarli per eliminare ogni possibile forma di discriminazione di accesso ai servizi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*