Maiolati, consiglieri Lega abbandonano l’aula. Maggioranza a rischio? - Password Magazine

Festival Pergolesi

Maiolati, consiglieri Lega abbandonano l’aula. Maggioranza a rischio?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI- «La politica svolta a livello istituzionale nei comuni, a prescindere da simpatie o appartenenze partitiche, impone a tutti capacita di equilibrio e grande senso di responsabilità. La decisione dell’appena costituito gruppo consiliare della Lega di ieri sera di non partecipare alla seduta consiliare non va verso questo indirizzo».

Così il sindaco Tiziano Consoli e la giunta di Maiolati Spontini si esprimono in riferimento alla frattura creatasi all’interno della maggioranza consiliare.

Durante l’ultimo consiglio comunale tenutosi venerdì scorso, al momento dell’approvazione del bilancio preventivo i consiglieri Giordano Spugni e Alessandro Amadio, che a dicembre avevano lasciato il gruppo consiliare di maggioranza “Insieme per i Cittadini”, fondando un gruppo autonomo espressione della Lega per Salvini premier, hanno abbandonato l’aula mettendo a rischio la tenuta della maggioranza che ha avuto il numero legale per proseguire il Consiglio solamente grazie alla presenza delle opposizioni.

«Responsabilità e equilibrio devono essere espresse anche in ragione del fatto che la maggioranza consiliare è legata da un programma di mandato condiviso ed accettato e sul quale i cittadini hanno dato il loro consenso elettorale a prescindere dalle appartenenze politiche- continua l’Amministrazione maiolatese-. Tra l’altro sono state individuate delle aree tematiche di programma sulle quali lavorare insieme con coinvolgimento, sempre auspicato, di tutti i consiglieri.

E’ augurabile che tale scelta abbia origine più da fattori personali che da questioni amministrative (delle quali non vi è traccia) e/o politiche.. in quest’ultimo caso  sarebbe un fatto grave che non gioverebbe né alla Lega né alla coalizione di maggioranza oggi rappresentata in Regione anche in vista degli imminenti appuntamenti elettorali locali. In ogni caso la questione merita dei giusti approfondimenti ma di certo il Gruppo Consiliare Insieme per i cittadini continuerà a dare il proprio apporto costruttivo all’esecuzione del programma di mandato».

Come riferito anche dagli stessi Spugni e Amadio, la motivazione principale per cui i consiglieri leghisti hanno abbandonato l’aula è il loro «poco coinvolgimento all’interno del panorama decisionale ed amministrativo del comune». «Questa decisione deriva da una completa mancanza di collaborazione e dialogo tra la giunta, la lista Insieme per i cittadini e il nostro gruppo- afferma Giordano Spugni motivando l’uscita dall’aula del suo gruppo-. Nel tempo abbiamo richiesto in più occasioni di essere coinvolti nelle discussioni o nelle decisioni, facendo parte della stessa maggioranza, ma questo non è mai avvenuto».

I consiglieri leghisti tuttavia non vogliono sentir parlare di rottura, ma preferiscono definire questa fase come una «pausa di riflessione».

All’attacco di maggioranza consiliare e giunta vanno le opposizioni definendo la giunta Consoli «dilaniata da conflitti tra i partiti» ed evidenziando come per senso di responsabilità, in un periodo storico molto complesso,  non abbiano abbandonato l’aula ma abbiano contestato i provvedimenti nel merito nella sede opportuna.

«Ieri sera in occasione del Consiglio Comunale per il voto del bilancio di previsione, il gruppo della “Lega per Salvini” in aperta polemica con il Sindaco e  la giunta, ha lasciato l’aula lamentando l’assenza di qualsivoglia coinvolgimento e la mancata  condivisione delle scelte, aprendo di fatto una crisi nella maggioranza – si legge in una nota congiunta di Percorso Civico e M5S – Un dato politico che non ci giunge nuovo, ma che anzi conferma quanto da noi sostenuto relativamente al cambiamento in atto nell’amministrazione Consoli, partita sotto la bandiera del civismo e oggi invece dilaniata da conflitti tra i partiti. Una dimostrazione fattuale dell’incapacità di saper lavorare insieme per il bene della comunità.

Uno strappo quello della Lega che suona come un chiaro avvertimento al Sindaco, soprattutto perché esternato nella seduta di voto del bilancio di previsione, atto fondamentale per garantire la vita politico amministrativa di un Comune.

Un’ amministrazione che mostra tutta la sua debolezza, dal momento che solo grazie alla presenza dei gruppi di minoranza, è stato possibile avere il numero legale e proseguire i lavori. Premesso che è compito esclusivo della maggioranza “avere i numeri”, ci teniamo a specificare che la nostra, anche in considerazione del particolare momento storico, è stata una scelta di responsabilità, in esclusivo rispetto delle istituzioni e del loro corretto funzionamento, in ossequio a un profondo senso civico che caratterizza da sempre il nostro agire politico e le nostre persone.

Nella seduta abbiamo palesato dubbi e critiche rispetto alla proposta di bilancio,  motivando la nostra contrarietà.

In particolare abbiamo sottolineato la mancata previsione di un correttivo all’ imposizione fiscale, espressa già al suo massimo; dubbi sulla reale capacità di far fronte alle richieste dell’ area disabilità, criticato la presentazione di progetti vaghi e confusi,  espresso dubbi sulla corretta previsione di alcune entrate»..

Da qui la chiosa finale delle opposizioni che domandano al sindaco chiarezza in merito all’assetto e alla sussistenza della sua maggioranza:

«Dopo lo strappo della Lega, speriamo che il Sindaco, trovi finalmente il coraggio di uscire dal silenzio e riferire al consiglio comunale e alla comunità il nuovo assetto della sua maggioranza, sempre che ancora ce ne sia una».

A cura di Tommaso Ciampichetti

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.