Maiolati, M5S critico sul DUP approvato dalla Giunta: «Si scarica tutto sulle tasche dei cittadini»

MAIOLATI SPONTINI – Critico il Movimento 5 Stelle di Maiolati sul DUP, lo schema di Documento Unico di Programmazione 2020-2022 contenente gli indirizzi politico-amministrativi di mandato, recentemente approvato dalla Giunta.

«Nonostante sia solo lo “schema” di DUP, in esso sono delineati i dettagli su cui poggeranno i prossimi bilanci, comprese azioni piuttosto imbarazzanti e non proprio favorevoli per le “tasche” dei cittadini» è il commento del M5S di Maiolati.

Tra le criticità evidenziate dal gruppo consiliare pentastellato, lo studio durante il mandato del «tema della fusione dei comuni, senza spiegare se si tratta di studiare una nuova incorporazione o una vera fusione con scioglimento dei consigli comunali così come prevede il TUEL (Testo Unico Enti Locali)».

Poi, continuano i grillini, «si dice che nell’ultimo periodo sono maggiormente evidenti le difficoltà di garantire la varietà di servizi per la cittadinanza a causa della riduzione della spesa corrente: secondo noi il disagio è dovuto piuttosto alla riduzione delle entrate ordinarie e straordinarie e non alla riduzione della spesa corrente, che invece al limite potrebbe essere una diretta conseguenza dei mancati introiti correnti e non. Inoltre a quale “ultimo periodo” si fa riferimento, dato che fino al 2019 gli importi di spesa non hanno subito drastiche riduzioni di spesa nonostante i progressivi ma non traumatici tagli operati dall’amministrazione precedente?».

Viene riportato che: «Il polo scolastico dovrà essere terminato, anche se con sforzi non indifferenti. Nonostante l’amministrazione uscente non abbia totalmente finanziato il completamento della nuova scuola, questa dovrà essere ultimata come da progetti in essere. Dato che manca il finanziamento dell’ultimo lotto (i locali per le medie), come si intende finanziarlo? In uno schema di DUP dovrebbero essere almeno indicate le possibili fonti di finanziamento, o ci affidiamo alla sorte?».

Riflessioni poi sugli “Indirizzi generali per la formazione del Bilancio 2020-2022”, cioè gli indirizzi di contabilità e di finanza su cui si baserà la gestione amministrativa della giunta Consoli: «Per quanto riguarda la gestione e la spesa per il personale, non vi sono indirizzi specifici, ma solo una lamentela sul mancato turn over del personale da parte delle amministrazioni precedenti, che hanno visto i pensionamenti dei dipendenti del Comune come un risparmio di spesa anziché programmare le assunzioni necessarie, aggiungendo inoltre che “Il Comune avrà nei prossimi 3 anni 7 persone che usciranno dall’organico per pensionamenti oltre alle 3 uscite negli ultimi 2 anni. La spesa per assunzioni non era stata prevista in nessun documento programmatico dalla precedente amministrazione”. Nel DUP dell’amministrazione Consoli invece è prevista la spesa per il reintegro dei 7 dipendenti?».

Ma la vera “perla” del DUP Consoli per i grillini sarebbe riportata nel quinto capoverso del documento: «Le tariffe per l’utilizzo delle strutture comunale sono fuori da ogni logica di sostenibilità: queste dovranno essere riviste ed aggiornate per far sì che costi sostenuti per tenere le strutture aperte e a disposizione dei cittadini e associazioni vengano coperti. Perfetto! Ancora una volta si scarica tutto sulle tasche dei cittadini, infischiandosene dell’aspetto sociale che ricoprono determinati servizi. Peraltro è totalmente assurdo pensare che un servizio con scopi socio-culturali, come potrebbe essere la biblioteca, sia gestito come un’azienda privata in modo da coprire totalmente i costi di funzionamento: nel 2018 i costi totali di gestione e del personale della biblioteca ammontavano a 128.577,30 euro, mentre il totale dei ricavi ammontava a 36.826 euro, di cui 13.500 euro provenienti dalle tessere (10 euro/tessera). Che cosa verrà fatto per coprire i costi di gestione? Si farà pagare 100 euro a tessera? Per non parlare poi del trasporto scolastico, delle mense, del nido d’infanzia, ecc. Se questo è l’inizio… auguri»-

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*