Maiolati, prima carta di identità elettronica. Inaugurato il nuovo sistema di rilascio

MAIOLATI SPONTINI – Una novità assoluta per il comune di Maiolati Spontini, inaugurata dal primo cittadino Umberto Domizioli. Una prima volta suggellata con tanto di foto insieme con la responsabile Tiziana Barchiesi e i dipendenti dell’Ufficio anagrafe Tiziana Cuicchi, Rita Bramati e Marco Baldi. Sì, perché è stata emessa martedì 3 aprile la prima carta di identità elettronica del Comune. E visto che doveva rinnovarla, il primo a inaugurare il nuovo sistema di rilascio, che sostituirà d’ora in poi il documento cartaceo, è stato proprio il primo cittadino del Comune: il sindaco Domizioli.

La novità, in vigore proprio da ieri, prevede che i cittadini si presentino personalmente presso gli sportelli dell’Ufficio anagrafe del capoluogo, al momento unica postazione autorizzata dal Ministero dell’Interno. Le carte di identità già emesse restano comunque valide fino alla loro naturale scadenza e, pertanto, il nuovo documento potrà essere richiesto soltanto a partire dal centottantesimo giorno precedente tale scadenza. Il costo, stabilito dal Ministero in 22 euro e 21 centesimi, è stato arrotondato, con una delibera di Giunta, a 22 euro.

Per le procedure della domanda di rilascio di ogni carta di identità elettronica servono circa 20 minuti. Il Comune acquisirà, in questo tempo, i dati del cittadino che verranno trasmessi al Ministero dell’Interno, il quale provvederà alla stampa, personalizzazione e consegna del documento presso l’indirizzo indicato dal titolare. La nuova carta di identità elettronica arriverà, quindi, per posta ma si potrà anche scegliere di ritirarla presso la Sede municipale. I tempi sono gli stessi, ossia entro 6 giorni lavorativi. Tenuto conto che non sarà più possibile rilasciare il documento contestualmente alla richiesta, si raccomanda ai cittadini di rivolgersi all’Ufficio anagrafe in anticipo rispetto alla data di scadenza dell’attuale carta d’identità (non prima, comunque, di 180 giorni dalla naturale scadenza). L’Anagrafe ricorda, infine, che i cittadini maggiorenni hanno la possibilità di chiedere che sul proprio documento venga segnalato il consenso o il diniego alla donazione di organi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*