Maiolati risponde a Castelbellino: "Su discarica non si torna indietro"

MOIE – Un’incomprensibile presa di posizione. Talmente improvvisa, da lasciare allibiti. E’ quanto sostengono il Comune di Maiolati Spontini e Sogenus nei confronti del categorico no di Castelbellino all’ampliamento della discarica La Cornacchia, “un impianto pubblico che è ben lontano dallo svolgere attività dannose alla salute – ha detto il sindaco di Maiolati Umberto  Domizioli – gestito in tutta sicurezza e secondo il rispetto di regole severe”.

La discarica esiste in Vallesina dal 1989 e ha permesso di effettuare in passato un servizio sia per i rifiuti urbani che per gli speciali: “L’impianto è gestito pubblicamente da Sogenus, una società partecipata anche da tutti i Comuni del territorio sia direttamente che attraverso il CIS – continua Domizioli –  Non si capisce come mai si sollevano ora polemiche su un progetto reso noto dal 2010, discusso e approvato in varie Assemblee Sogenus e CIS senza che alcun amministratore eccepisse alcunché, Comune di Castelbellino compreso”.

Durante l’incontro con la stampa, Domizioli ha anche illustrato i benefici per il territorio ricavati dalle attività della discarica: la biblioteca, la piscina, le strutture sportive, le scuole, utilizzati dal 30% dai cittadini e dal ben 60% dagli abitanti dei comuni limitrofi, con un 10% di fruitori provenienti anche da Jesi.

Il rifiuto a Maiolati arrova anche su ogni proposta di mediazione che non compromettesse il progetto ma che accogliesse comunque le richieste mosse da Castelbellino nel 2013 circa la realizzazione di una rotatoria e di una centralina aggiuntiva: “Con motivazioni pretestuose si cerca di ostacolare un Comune vicino con cui c’è stata in passato la massima collaborazione e sintonia – dice Domizioli – Difenderò con tutti i mezzi che potrò avere a disposizione questo progetto e lo farò con il sostegno della maggior parte dei nostri cittadini e della maggioranza politica di Maiolati, con la consapevolezza di fare il bene non solo di dei cittadini ma anche della comunità”.

A controbattere le contestazioni del vice sindaco di Castelbellino Massimo Costarelli, arrivate anche via facebook, è invece il vice sindaco di Maiolati Spontini Giancarlo Carbini: ” Inammissibile parlare di scontro, in un territorio dove Sindaci di colore diverso hanno dato più volte prova di saper fare squadra e unirsi per dare vita a realtà condivise come il CIS o l’Unione dei Comuni, un vanto per questo territorio.Castelbellino non si è mai opposto in sede di assemblee CIS e SOGENUS all’ampliamento della discarica: la polemica arriva solo adesso e, pur ammettendo che qualcuno possa anche cambiare idea, farlo in questo modo così improvviso solleva notevoli perplessità”.

“Inapplicabile la chiusura suggerita entro il 2020, le situazioni procedono di pari passo con la normativa e l’evolversi della crisi – chiude Carbini – La parola “fine” sarà scritta solo con il completamento dell’ampliamento, un ulteriore passaggio che diminuirà nettamente l’impatto rispetto alla situazione attuale il che significa meno camion, pressocché totale scomparsa dei gabbiani e dei fenomeni odorigeni. Restiamo aperti ad una mediazione, sempre disponibili all’installazione di una centralina e alla realizzazione della rotatoria all’uscita della Superstrada, entrambe richieste da Castelbellino,ma sulla discarica non si torna indietro”.

Forti anche le parole della presidente Sogenus Eddi Ceccarelli: “La politica è fatta dagli uomini che a loro volta sono un insieme di pulsioni e passioni, tra cui invidia e gelosia – ha detto –  Le pluricertificazioni dell’impianto garantiscono la sua totale messa in sicurezza, non c’è alcun rischio per la salute dei cittadini”. Parole condivise e rafforzate dall’intervento del direttore generale Mauro Ragaini: “La Sogenus non ha mai avuto rilievi se non positivi – ha detto – La puzza? Gli odori sono già minimi e svaniscono, fino ad azzerarsi, alla distanza di un chilometro dalla discarica”.

 

(a cura di Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*