Maiolati, il consigliere Spugni riconsegna le deleghe: «Un altro tassello della maggioranza se ne va».

MAIOLATI SPONTINI – C’è fermento al palazzo municipale di Maiolati Spontini. Il consigliere comunale di maggioranza Giordano Spugni ha riconsegnato le deleghe al sindaco Tiziano Consoli.

Il gruppo consiliare all’opposizione Percorso civico vuole vederci chiaro: «Nelle ultime settimane, giravano voci sulle dimissioni di Spugni. La notizia ci coglieva di sorpresa visto e considerato che nell’ultimo consiglio comunale del 20 dicembre, né il diretto interessato né tanto meno il Sindaco avevano comunicato la cosa. Per questo, abbiamo fatto richiesta di accesso agli atti ed è emerso che la notizia era vera e confermata».

Nella lettera protocollata il 3 dicembre a firma del Consigliere Spugni è riportato che per motivi lavorativi ha riconsegnato le deleghe ai Lavori pubblici e cimiteriali e che per la stessa ragione rinuncia anche alla carica di Presidente della Commissione territorio e ambiente: «Ora, se non fosse una situazione pessima per la maggioranza Consoli e per il regolare svolgimento delle attività del Comune, verrebbe da scherzarci su considerato che sempre il 3 dicembre l’assessora Deborah Care’, la più votata della lista Consoli con 190 preferenze, si dimetteva dal consiglio comunale – incalza Percorso civico – Ma questi impegni lavorativi non c erano anche sei mesi fa? Evidentemente il 3 dicembre è stato il giorno della consapevolezza. Consapevolezza che per ricoprire cariche istituzionali sono necessari capacità, passione, tempo, impegno. Meraviglia che professionisti come i citati non abbiamo pensato prima alle conseguenze della loro candidatura».

Il gruppo all’opposizione si domanda ora come pensa il sindaco di «gestire le deleghe (cultura, lavori pubblici e cimiteriali) che gli sono tornate in mano? Chi seguirà i lavori della nuova palestra che inizieranno a breve? Chi quelli del primo stralcio del nuovo cimitero? Chi darà nuovo impulso alla cultura? Giorno dopo giorno dunque i nodi vengono al pettine e il Sindaco è sempre più solo. Ad oggi i fatti parlano chiaro, Consoli non è riuscito a tenere unita la sua maggioranza dopo soli sei mesi dall insediamento, come pensa di poter amministrare il comune di Maiolati Spontini per 5 anni?».

Perplessità anche dal Partito Democratico di Maiolati Spontini:  «Un altro tassello della maggioranza che se ne va. Sia Carè che Spugni, hanno riconsegnato i loro incarichi istituzionali lo stesso giorno 3 dicembre; che ci siano altre motivazioni ben più importanti che quelle dei rispettivi impegni lavorativi?».

E aggiunge: «A questo punto, ancor prima che come forza politica, noi cittadini siamo spaventati per il
futuro del Comune di Maiolati Spontini. Come può un’Amministrazione così debole e incompleta fronteggiare le esigenze complesse e articolate che un territorio come Maiolati richiede? In soli sei mesi il sindaco Consoli ha perso la rappresentante più votata dai cittadini e simultaneamente un consigliere. Tutti i nodi stanno venendo al pettine: con un’emergenza climatica come quella che stiamo vivendo, all’interno dell’amministrazione non c’è una figura dedicata all’Ambiente; la Cultura, che è sempre stata fiore all’occhiello per il territorio della Vallesina, ha ora intorno solo desolazione.  Per il bene del Comune, come Partito Democratico chiediamo all’Amministrazione Consoli
di riprendere immediatamente la rotta, impegnandosi nel compito che gli è stato assegnato o di restituire il mandato, ridando voce ai cittadini che stanno perdendo i loro rappresentanti».

La notizia di “dimissioni” vere e proprie del consigliere è stata smentita dal sindaco Consoli:  «Il consigliere Giordano Spugni non si è dimesso, ha solo riconsegnato le deleghe per impegni lavoratavi ma resta attivo nella maggioranza». Con queste parole, il sindaco di Maiolati Spontini Tiziano Consoli spegne ogni allarmismo sulla vicenda. «Non abbiamo perso nessun consigliere, nessun tassello – chiarisce -. La notizia delle sue dimissioni non è veritiera, ha ceduto le deleghe ai Lavori pubblici ma ricopre ancora il suo ruolo istituzionale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*