Maiolati solidale con l'Amatriciana al Colle Celeste | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Maiolati solidale con l’Amatriciana al Colle Celeste

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Grande risposta da parte del pubblico per l’“Amatriciana solidale” organizzata nei giorni scorsi al parco Colle Celeste dalla Fondazione Gaspare Spontini e dall’Amministrazione comunale. Un’iniziativa a favore della Casa di riposo del capoluogo collinare, resa inagibile dopo la scossa di terremoto del 30 ottobre 2016 e trasferita alla Casa Paolo VI. L’iniziativa è stata un successo non solo per la grande affluenza di cittadini ma anche per il clima di partecipazione emotiva che l’ha caratterizzata. Il tutto è stato possibile grazie all’opera del presidente della Fondazione Gaspare Spontini, Paolo Perticaroli, di alcuni volontari e di diversi cittadini maiolatesi che si sono adoperati per la riuscita della serata gastronomica a base di Amatriciana e di cous cous preparato da Fatiha (vincitrice del miglior piatto straniero del Comune e residente a Maiolati).

La serata è stata arricchita e allietata da momenti di intrattenimento e spaccati di vita quotidiana del paese. Molto apprezzata la proiezione a cura del tecnico Rai Sandro Borgiani che ha passato in rassegna vecchi filmati della vita maiolatese di un tempo, come pure la musica dell’orchestra Riciclato Band, diretta dal maestro Gianpiero Ruggeri. Ospiti della serata anche i cinque ragazzi di Arquata Scrivia (AL) dell’associazione culturale “Il Germoglio” che hanno fatto tappa a Cupramontana nel percorso a piedi che li porterà ad Arquata del Tronto, oltre ad una delegazione della Pro loco di Arquata del Tronto.

“La serata è stata l’occasione – commenta il vicesindaco Silvia Badiali – per rendere la cittadinanza e anche i turisti, soprattutto romani, che in questi giorni popolano il centro collinare, consapevoli e partecipi dei progetti innovativi che la Fondazione è in procinto di attuare nel settore dell’ospitalità della terza età. La Fondazione può ben costituire un volano per la crescita del capoluogo collinare, sia per ciò che rappresenta dal punto di vista economico-occupazionale che da quello appunto delle proposte sociali che ci permettono di offrire servizi che non perdano mai di vista la dignità, il valore e la bellezza della persona a qualsiasi età”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.