Maiolati. Tesoreria Unica, una nuova beffa per i Comuni virtuosi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Maiolati. Tesoreria Unica, una nuova beffa per i Comuni virtuosi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI – Il trasferimento delle liquidità dei Comuni alla Tesoreria unica della Banca d’Italia, decisa dal Governo, rappresenta l’ennesima beffa a danno delle Amministrazioni virtuose. A sottolinearlo è il sindaco Giancarlo Carbini. Ci sono Comuni, come Maiolati Spontini, che hanno a disposizione fondi accantonati, anche per effetto dei lacci imposti dal Patto di stabilità, e che adesso, oltre a non potersi tradurre in investimenti come le Amministrazioni vorrebbero, non possono nemmeno tramutarsi in interessi. Sì, perché quelli prima riconosciuti dalla Banca-Tesoreria sono sostanzialmente azzerati, per effetto del trasferimento obbligatorio dei fondi alla Banca d’Italia. Anzi, l’istituto di credito che prima riconosceva una sorta di bonus ai Comuni per le giacenze, ora chiede legittimamente di essere remunerato per il servizio di tramite conla Tesoreria Unica.

“Nonostante le proteste dei Comuni – riferisce il sindaco Carbini – tutti i fondi sono stati prelevati dalla Tesoreria del Comune e trasferiti in quella unica, riducendo la seppur minima rendita che maturava con gli interessi. Dopo il danno anche la beffa. Ma non poteva finire qui. Le banche che fornivano il servizio di tesoreria ai Comuni e si remuneravano indirettamente con la gestione delle giacenze presso le loro casse, hanno richiesto la rinegoziazione dei contratti, azzerando il contributo che erogavano al Comune e chiedendo al contrario di essere remunerate. Ulteriore danno e ulteriore beffa per i Comuni e i loro bilanci. L’azione delle Banche si basa su un assunto legittimo: il trasferimento delle giacenze alla Tesoreria Unica le priva di una fonte di remunerazione e le costringono a rivolgersi all’ultimo anello della catena, il Comune, che non ha mezzi e strumenti per difendersi”. Da qui l’appello del sindaco. “E’ necessaria un’azione ancora più forte di quella messa in atto, anche dall’Anci, contro il provvedimento relativo alla Tesoreria Unica, affinché per lo meno venisse trasferito al Governo l’intero pacchetto, con oneri e onori: tutte le giacenze alla Tesoreria Unica insieme agli oneri derivanti ai Comuni da tale provvedimento e cioè minori interessi maturati e soprattutto i nuovi maggiori oneri per la gestione del servizio di Tesoreria. Con tale spirito il Comune sta rinegoziando il servizio di tesoreria con la propria banca, ma la costatazione è purtroppo sempre la stessa: sono sempre i Comuni a sopportare il maggior peso dei provvedimenti per trovare uno spiraglio alla sempre più preoccupante crisi generale. ‘E io pago!’, direbbe il grande e sempre attuale Totò”.

Comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.