Malformazioni congenite al cuore, un progetto di prevenzione in nome di Benedetta.

ANCONA – Si era spenta improvvisamente, accasciandosi in mezzo al campo da minibasket dopo una partita, tra lo choc generale della famiglia, delle compagne di squadra, della società Stamura Ancona Basket con cui giocava e del pubblico. Eppure, Benedetta Moroni, 12 anni, aveva l’idoneità sportiva e sembrava stare bene. A ucciderla, nel giorno di San Valentino dello scorso anno dopo sei giorni di agonia nel reparto di Rianimazione dell’ospedale regionale di Torrette di Ancona, è stata una malformazione congenita al cuore. La sua storia ha toccato profondamente tutti. Il grande coraggio dei genitori, che hanno acconsentito alla donazione degli organi, ha commosso la comunità. Oggi, la mamma e il papà di Benedetta porteranno la loro testimonianza diretta, per far comprendere quanto sia importante la prevenzione delle anomalie congenite delle coronarie, patologia che è seconda causa di morte nei giovani sportivi. La malattia che ha strappato Benedetta al loro amore.

La storia dell’anconetana Benedetta Moroni è quella di tanti atleti. E’ purtroppo cronaca quotidiana quella che descrive le drammatiche sequenze di un giovane sportivo che muore sul campo di gioco, tra le lacrime dei compagni di squadra e lo stupore degli spettatori. Il primo pensiero, quello più comune, è quello di chiedersi come il giovane potesse avere l’idoneità per giocare. E poi, quale medico fosse stato così superficiale da avere permesso all’atleta di fare una attività sportiva intensa. Purtroppo la realtà è molto più complessa. La seconda causa più comune di morte improvvisa nei giovani atleti è legata all’anomalia delle coronarie. Le arterie coronarie sono due piccoli vasi che portano il sangue al cuore e che ne consentono il corretto funzionamento. In alcuni rari casi, una delle due coronarie nasce in una posizione anomala e percorre un tratto che può risultare compresso da alcune strutture vascolari più grandi. Il risultato della compressione è il ridotto flusso ematico verso il cuore, l’infarto massivo e la morte improvvisa del giovane atleta. Un intervento chirurgico tempestivo potrebbe risolvere il problema in modo definitivo e con un rischio chirurgico modesto. Le tecniche chirurgiche che si sono evolute in questi anni, sono oramai standardizzate benché praticate in pochi centri selezionati. Tuttavia, il problema più grosso è poter avere una diagnosi precoce, poiché spesso questa anomalia decorre in modo asintomatico fino all’evento fatale.  I mezzi diagnostici per evidenziare la patologia ci sono e sono rappresentati dalla Risonanza Magnetica, dalla TAC e dall’Ecocardiografia.

E’ impensabile che si possa fare uno screening su larga scala per tutti i ragazzi sportivi usando queste diagnostiche. Quanto all’ecografia è fondamentale che venga eseguita da un cardiologo specialista di patologie cardiache congenite e che conosca a fondo il problema: è infatti spesso il primo screening che porta ad una diagnosi precoce. Il problema è quindi molto complesso. Da una parte c’è la difficoltà di fare uno screening di massa e dall’altra il concreto rischio che, seppur raramente, alcuni giovani atleti possano morire sul campo. Un problema complesso richiede uno studio approfondito e un team di super-specialisti che si dedichino a trovare una valida soluzione.

Su queste basi è nato il gruppo di studio “Prevenzione della morte improvvisa da anomalie congenite delle coronarie nei giovani sportivi”. Il team – nato dall’idea del prof.Paolo Zeppilli (Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina dello Sport del Policlinico Gemelli di Roma ed ex medico sportivo della Nazionale Italiana di Calcio) e del dr.Marco Pozzi (primario della divisione di Cardiochirurgia infantile dell’ospedale regionale di Torrette di Ancona) – è composto dai maggiori esperti di cardiopatie congenite d’Italia. E’ un gruppo di lavoro multicentrico sull’origine anomala delle coronarie come causa di morte improvvisa da sport nei giovani atleti e sarà portato avanti in Italia a Roma e Ancona.

Obbiettivi del Team: sviscerare in modo approfondito  gli aspetti più importanti della diagnosi e della cura di questa anomalia fatale. Il primo incontro è fissato per il giorno 6 febbraio alle ore 15,30 presso l’Ospedale Regionale di Torrette di Ancona. Lo scopo finale è quello di tracciare un percorso di diagnosi e trattamento da validare su scala nazionale e da applicare in tutti gli ambiti sportivi su tutti i giovani atleti; programmare un’agenda di divulgazione del problema e rendere prevedibile la malattia.

Dati scientifici: E’ difficile ad oggi tracciare un profilo di incidenza o prevalenza dell’anomalia di origine delle coronarie dall’aorta (AAOCA). Il problema è legato al fatto che, come già detto, lo studio dell’origine delle coronarie è difficile ed invasivo. I dati pubblicati suggeriscono comunque una incidenza pari a 0,1-0,3%. E’ comunque probabile che la reale incidenza, se solo si potesse fare uno screening della popolazione, sarebbe in realtà più elevata. La AAOCA è più frequente nei maschi che nelle femmine (2:1) e nella maggior parte dei casi è dovuta ad anomalia di origine della coronaria destra dal seno di valsalva sinistro. Nonostante la rarità della patologia, si stima che la AAOCA sia la seconda causa di morte nei giovani atleti con una incidenza pari a 0,15-0,32 eventi /100.000 atleti per anno. Infatti le cause più importanti di morte improvvisa tra i giovani atleti sono rappresentate dalla cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva, AAOCA, aritmia, coronaropatia arteriosclerotica precoce. Purtroppo la sintomatologia non aiuta a prevenire l’evento fatale. Nelle casistiche più recenti infatti, ora che si è presa una coscienza più ampia di questa anomalia, l’evento cardiaco improvviso rappresenta il terzo sintomo più frequente dopo la sincope e il dolore toracico. Questo è dovuto ad una ricerca più approfondita  negli ultimi anni di una AAOCA nei pazienti giovani colpiti da un evento cardiaco acuto. La riparazione chirurgica non è ancora completamente codificata, lasciando un certo spazio alla scelta dell’operatore.

Partner: l’Associazione onlus Un Battito di Ali, che si occupa di aiutare i bambini cardiopatici attraverso il sostegno all’attività svolta dal Reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Congenita e Pediatrica degli Ospedali Riuniti di Torrette di Ancona diretto dal Dr.Marco Pozzi, ha abbracciato questa iniziativa affiancando gli esperti nell’organizzazione e nella promozione della giornata di studio.

Borsa di studio: il sogno del Team e dell’Associazione Un Battito di Ali onlus che lo affianca in questa battaglia, è di riuscire a trovare una borsa di studio per un giovane che si occupi a tempo pieno della ricerca delle anomalie congenite delle coronarie. Borsa di studio che sarà intitolata a Benedetta, come una sorta di impegno morale oltre che scientifico per ricordare la storia di questa giovanissima atleta e far sì che in futuro altri atleti non perdano più la vita durante il gioco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*