Maltrattava e perseguitava la ex compagna, carabinieri lo arrestano | | Password Magazine

Maltrattava e perseguitava la ex compagna, carabinieri lo arrestano

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ieri in tarda serata i militari della Stazione Carabinieri di Jesi, guidati dal Luogotenente Fiorello Rossi hanno arrestato in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare, S.A. trentaseienne originario del centro africa, resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e lesioni personali.

Era ormai da alcuni giorni dopo la fine della loro convivenza che S.A. aveva cominciato a perseguitare la sua ex compagna, seguendola sia sotto casa dei genitori che sul luogo di lavoro, minacciandola in più occasioni anche davanti a testimoni. La donna ormai impaurita aveva anche iniziato a cambiare le sue abitudini cercando di evitare qualsivoglia contatto con l’ex ma nonostante ciò la situazione si era fatta insostenibile ed alla fine stremata la donna ha deciso di dire tutto ai carabinieri.

Quindi presentatasi in caserma in sede di denuncia ha riferito ai militari della stazione di Jesi non solo quello che era accaduto negli ultimi giorni ma ha raccontato anche tutto ciò che le era successo nei 3 anni di convivenza con il suo ex, narrando una storia di continui maltrattamenti, offese e lesioni di ogni tipo.

I carabinieri appena ricevuta la denuncia, effettuati i dovuti accertamenti, immediatamente hanno deferito l’uomo in stato di libertà per i reati suddetti e contestualmente hanno avanzato una richiesta di misura cautelare all’autorità giudiziaria, che tempestivamente condividendo tutte le risultanze della polizia giudiziaria ha emesso un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del S.A.

I militari dunque si sono messi alla ricerca del soggetto e prontamente rintracciato lo hanno portato in caserma per dare esecuzione formale all’ordinanza e successivamente condurlo presso la casa circondariale di Ancona a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.