Mancinelli: «Il 4 maggio benemerenza civica a tutta la comunità cittadina» | | Password Magazine

Mancinelli: «Il 4 maggio benemerenza civica a tutta la comunità cittadina»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – «Benemerenze civiche agli eroi normali in prima linea per l’emergenza». A parlare è il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, in vista del 4 maggio: una giornata di celebrazioni nel capoluogo dorico in cui si assegnano le civiche benemerenze per i tradizionali festeggiamenti di San Ciriaco. «Quest’anno non ci sarà la fiera né la tombola in piazza Cavour – precisa la Mancinelli – ma sarà una giornata che vivremo comunque intensamente insieme, distanti fisicamente ma uniti». Tutto avverrà in un Teatro delle Muse vuoto ma collegato da televisioni, radio e dirette streaming alla città.

«Abbiamo pensato che, quest’anno, non avesse senso assegnare i ciriachini e le benemerenze a singole persone con un nome e cognome perché l’evento straordinario che stiamo vivendo chiede che sia fatta una scelta diversa – spiega il sindaco -. La civica benemerenza sarà quest’anno assegnata a tanti, a tutti gli eroi normali, ai concittadini che hanno fatto in questi mesi la loro parte con impegno e spesso a rischio personale. A loro daremo la nostra riconoscenza del valore di quanto hanno fatto, un grazie da parte dell’intera comunità». Medici, infermieri e operatori sanitari, dai volontari delle ambulanze alle farmacie, e poi forze di polizia, agli  operatori dei servizi pubblici, ma anche a fornai, macellai, cassiere dei supermercati, tassisti:  «Ai tanti – spiega la Mancinelli – che hanno fatto il loro dovere. Compresa la stragrande maggioranza dei cittadini che hanno rispettato le regole, applicando la disciplina richiesta da ognuno di noi ed esercitando la responsabilità individuale. Quest’anno dunque la benemerenza va a tutta la comunità cittadina: una sorta di medaglia al valore civile, partendo da coloro che erano in prima linea».

La Mancinelli, nel ricordare che «responsabilità e disciplina che serviranno poi anche nella Fase 2», ha invitato poi ogni cittadino a partecipare mandando un video messaggio girato da casa accompagnato da un pensiero di speranza. Tutti i video saranno proiettati quel giorno dal Teatro delle Muse: «Non saremo fisicamente presenti alle Muse ma ci saremo con il cuore»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.