Marche a rischio zona arancione: il punto sulle altre regioni in Italia | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Marche a rischio zona arancione: il punto sulle altre regioni in Italia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Le Marche rischiano la zona arancione, ma non sono l’unica regione in pericolo. A causa della crescente occupazione dei posti letto nelle terapie intensive negli ospedali, dal 3 gennaio, il rischio per Marche, Veneto, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, e le province autonome di Trento e di Bolzano è di passare da zona gialla a zona arancione. Nelle ultime 24 ore, secondo quanto riporta Sky, le terapie intensive sono aumentate nelle Marche del 2%, un dato condiviso con la Campania e più basso della Valle d’Aosta (+3%), ma più alto del Veneto (+1). Il tutto, a fronte di una media nazionale che ha raggiunto il 12% e che conferma i 2 punti in eccesso sulla soglia di sicurezza del 10%, limite superato da 13 regioni su 20 – le Marche sono la terza più alta insieme al Veneto con il 17% dei posti letto occupati.

I parametri per il cambio di colore da giallo ad arancione, secondo quanto emanato dal Governo nel decreto ministeriale di un anno fa, a sua volta modificato dall’introduzione dei vaccini, richiedono il raggiungimento del 20% dei posti occupati nelle terapie intensive, del 30% nelle aree mediche e un’incidenza superiore a 150 nuovi contagi ogni 100mila abitanti a settimana. E le Marche, appunto, sono molto vicine.

Le regole

L’introduzione dei vaccini in Italia ha modificato, rispetto al 2020, le regole nelle varie zone, con il Decreto Legge del 23 dicembre e del 31 dicembre che hanno aggiunto novità in termini di quarantena e limitazioni. Al netto di una totale libertà in zona bianca per chi ha il Super green pass (certificazione ottenuta con il vaccino o avvenuta guarigione dal Covid), con le nuove regole nemmeno in zona gialla ci sono restrizioni per chi ha la documentazione verde. Le uniche limitazioni, in zona bianca e zona gialla, sono per chi è sprovvisto del certificato. In zona arancione, invece, rimangono delle limitazioni.

Chi non è in possesso del green pass base o del Super green pass non può uscire dal comune di residenza o di domicilio e non può spostarsi verso altre regioni, ad eccezione di spostamenti per motivi di salute, necessità o lavoro (da certificare con un’autocertificazione). Resta la deroga per gli spostamenti dai piccoli comuni, cioè quelli di massimo 5.000 abitanti, verso città nel raggio di 30 chilometri, esclusi i capoluoghi di provincia. I bar e i ristoranti sono aperti solo per chi ha il super green pass, non per chi ha il certificato base grazie a un tampone. Mentre i non vaccinati possono usufruire solo del servizio d’asporto o a domicilio, perché in zona arancione, senza Super green pass, non si può consumare negli spazi all’aperto dei ristoranti e dei bar.

L’effetto dei vaccini ha attenuato l’espansione del Covid per i mesi autunnali, ma la variante omicron, come dimostrano i dati di questi giorni, ha dimostrato di essere contagiosa – in forma più o meno lieve – anche sui vaccinati. Per questo, nelle ultime settimane, al fronte di un significativo e massiccio aumento di tamponi eseguiti in tutta Italia, sono aumentati i casi di positività in ogni regione, con un picco record nazionale raggiunto ieri di più di 144mila nuovi casi. Oggi sono stati 141.262 con 111 morti in Italia, 1619 positivi e sei decessi nelle Marche.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.