Marche arancioni da oggi, Acquaroli: «Amareggiato ma bisogna rispettare l'ordinanza» | Password Magazine

Marche arancioni da oggi, Acquaroli: «Amareggiato ma bisogna rispettare l’ordinanza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Le Marche arancioni per 14 giorni, va in vigore l’ordinanza firmata dal Ministro Speranza.
Questa mattina il messaggio del Governatore Francesco Acquaroli: «Vi prego di attenervi scrupolosamente all’ordinanza – dichiara – Mi è molto dispiaciuta la mancanza di una comunicazione minima e della concertazione necessaria che avrebbe potuto portare a scenari diversi o comunque a rendere una misura una soluzione invece di un’imposizione. Sono amareggiato perché il mio è sempre stato un atteggiamento collaborativo con le Istituzioni nazionali e in linea con i tecnici sanitari della regione. Siamo in pandemia e la coesione e la forza dei messaggi sono strumenti indispensabili per comunicare le giuste informazioni alle nostre comunità. Per questo la chiarezza e la concertazione sono indispensabili a rendere credibili le scelte – afferma -. Bisognerebbe evitare sistemi schizofrenici che fanno confusione e gettano intere comunità e categorie in un allarme continui. Così si genera esasperazione. Basti pensare a chi da giallo è diventato rosso senza neanche passare per l’arancione. Faremo di tutto per combattere il virus, ma ci piacerebbe farlo insieme e in maniera seria».

125394785_3462971767144345_8533607951756425764_o

Un concetto ribadito anche a seguito dell’incontro avvenuto ieri tra Regione e Istituto Superiore di Sanità: «Un confronto utile a chiarire molti aspetti tecnici, ma un particolare è emerso chiaramente: che sarebbe stato più semplice dire subito “chiudiamo” – sono le parole di Acquaroli – La pandemia c’è, il virus gira e bisogna essere prudenti, ma non bisogna nascondersi dietro i numeri o le formule per fare scelte di altra natura. Chiudere può anche essere giusto e condivisibile, ma non può essere frutto di una imposizione. È umiliante e non sarà la soluzione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.