Marche, il covid non blocca ricostruzione. Ceriscioli: «Risolte questioni ferme da mesi» | | Password Magazine

Marche, il covid non blocca ricostruzione. Ceriscioli: «Risolte questioni ferme da mesi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – «L’emergenza coronavirus non ha bloccato la ricostruzione nelle località del cratere». Lo fa sapere il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli in una conferenza via streaming con la stampa locale: «La prima cosa che ci tengo a dire è che gli uffici hanno continuato a lavorare in modalità smart working. Sono in arrivo inoltre 116 unità in più per la ricostruzione: in atto le procedure di reclutamento, per luglio l’obiettivo è di avere incrementato le forze. Ricordo che delle 7.856 pratiche presentate fino ad oggi 3.266 sono quelle approvate e di queste 1.366 completate». Altro segnale positivo riguarda i professionisti: «Nei giorni scorsi sono stati trasferiti i primi 50 milioni di euro agli Usr per il pagamento del 50% delle parcelle ai professionisti che hanno già presentato i progetti di ricostruzione – continua il presidente – Le domande presentate ad oggi sono 350 per un totale di 10 milioni liquidati come anticipo ai professionisti, con un valore medio di 28 mila euro. Ci aspettiamo che cifra continui a crescere, il tetto è 31 milioni».

E’ stato poi avviato, già dall’inizio di marzo, il pagamento dei lavori eseguiti dalle imprese, prescindendo dalle percentuali contrattuali da raggiungere, come previsto dall’ordinanza commissariale numero 97: i pagamenti si attestano intorno ai 100 milioni di euro. «Si è concluso oltre il 90% dei progetti (totale 106 per 21 milioni e mezzo di euro) realizzati con i fondi raccolti con gli sms solidali subito dopo il terremoto del 2016 con il versamento degli ultimi fondi a saldo delle opere terminate. Sono 81 sono le opere completate, 18 quasi finite.
Tra questi: l’adeguamento delle elisuperfici di soccorso a Belforte del Chienti, Castelraimondo, Cingoli e Fiuminata, il centro polivalente a Caldarola e una palestra a Camerino».
«Ci sono anche i 50 milioni deliberati dal CIPE da destinare all’edilizia residenziale pubblica. Venti milioni vanno per gli interventi di ricostruzione degli edifici danneggiati, gli altri 30 per interventi, sempre di edilizia pubblica, a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma – aggiunge Ceriscioli – Il Commissario straordinario Legnini ha capito dove stava il nodo; velocizzare, per consentire ai marchigiani colpiti dal sisma di tornare a vivere nelle loro case, sotto il profilo individuale, invece, sotto quello collettivo, vedere una comunità che si ritrova. Poi c’è un secondo aspetto, quello economico innescato da tutte le misure che sta mettendo in campo, molto velocemente, per snellire la ricostruzione».

«Questo per noi è un momento di grande impegno, stiamo pagando 1200 stati di avanzamento delle pratiche che corrispondono a 70 milioni di euro – spiega Cesare Spuri, direttore USR -. In questo moneto abbiamo cercato di immettere risorse nell’attesa di nuove norme. Ci vogliamo far trovare pronti avendo saldato i debiti: sia in termini di parcelle corrisposte ai tecnici che di pagamenti per i lavori eseguiti dalle imprese».
«Il nuovo commissario ha impresso una accelerazione forte ed ha sbloccato delle questioni ferme da mesi – conclude l’assessore alla Protezione Civile Angelo Sciapichetti – Si è aperta una fase di speranza nuova per gli amministratori locali e per le famiglie marchigiane»

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.