Marche Museo Diffuso: un'iniziativa della Fondazione Federico II Hohenstaufen | Password Magazine
Festival Pergolesi

Marche Museo Diffuso: un'iniziativa della Fondazione Federico II Hohenstaufen

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Domenica 2 settembre, a Jesi, presso la sede della Fondazione Federico II Hohenstaufen di Jesi (Piazza Federico II), dalle ore 17 alle ore 22, sarà aperta la mostra Marche Museo Diffuso. Attraverso un percorso di documenti e foto, realizzate dal fotografo Francesco Silvi, sarà possibile andare alla scoperta di dieci realtà museali presenti sul territorio: Villa Coppetti a Castelbellino; il Museo di Gaspare Spontini a Maiolati; il Museo dell’arte del vino, a Staffolo; il Museo internazionale dell’etichetta del vino, a Cupramontana; il Museo internazionale dell’immagine postale, a Belvedere Ostrense; il Museo Mail Art, a Montecarotto; Museo della cultura mezzadrile “Utensilia” a Morro d’Alba; il Museo del telefono a San Marcello; il Museo delle arti monastiche “Le stanze del tempo sospeso”, a Serra de’ Conti; la Cartoteca storica delle Marche, a Serra San Quirico.

Piccole realtà poco note ma meritevoli di essere conosciute, valorizzate e promosse. L’iniziativa, organizzata dalla Fondazione Federico II Hohenstaufen , con il patrocinio del Comune di Jesi, pone l’accento sui piccoli allestimenti dell’unica regione italiana al plurale: “Anche in questa occasione, Jesi è capoluogo di un’iniziativa importante – ha spiegato l’assessore alla Cultura Luca Butini – Il tentativo è quello di creare una rete tra Jesi e Vallesina, nell’ottica di una maggiore visibilità e fruibilità dei piccoli poli museali del territorio”.

“Vi è ormai piena consapevolezza che la valorizzazione della specificità del territorio e di quanto essa riesce a esprimere è una fiche da giocare sul tavolo da gioco della crisi – ha dichiarato il presidente della Fondazione Federico II Fabio Costantini – con questa mostra, l’intenzione è raccogliere questa sfida, partita l’8 gennaio scorso con il rendere visibile il messaggio contenuto nella guida turistica Visitare, conoscere, vivere Jesi e la Vallesina di Formiconi e Ramini e la piena evidenza dei paesi che si incastonano come pietre di gioielli sulle rive destra e sinistra dell’Esino”.

a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.