Marche: undicesima regione in Italia per illegalità ambientale | | Password Magazine

Marche: undicesima regione in Italia per illegalità ambientale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Legambiente presenta Ecomafia 2017, storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia. Le Marche risultano essere l’undicesima regione in Italia per illegalità ambientale, ottavo posto per abusivismo edilizio, in crescita rispetto allo scorso anno. Ancona è la prima provincia nelle Marche per illeciti ambientali.

A due anni dall’approvazione della legge sugli ecoreati, nelle Marche diminuiscono in generale gli illeciti ambientali e il fatturato delle attività criminali contro l’ambiente.  Infatti, se nel 2015 le infrazioni accertate erano 839, vale a dire oltre 2 reati ai danni dell’ambiente al giorno, nel 2016 sono state circa 700. Le Marche, con il 3,1% delle infrazioni sul totale nazionale, si posiziona all’undicesimo posto nella classifica delle illegalità ambientali con 548 denunce e 107 sequestri registrati nel 2016, una posizione in meno rispetto allo scorso anno. Per quanto riguarda il ciclo del cemento, invece, la nostra regione subisce un peggioramento e sale all’ottava posizione, raggiungendo il 5% sul totale nazionale, a pari merito con la Toscana. Ciclo illegale dei rifiuti, abusivismo edilizio, animali, incendi, archeomafia e agroalimentare sono i principali settori della criminalità ambientale presi in esame dal Rapporto Ecomafia.

In particolare, per quanto riguarda il ciclo illegale del cemento e il ciclo illegale dei rifiuti, la provincia di Ancona domina entrambe le classifiche posizionandosi per prima, con 210 denunce e 29 sequestri totali, seguita da Macerata con 108 denunce e 23 sequestri, Fermo con 75 denunce e 15 sequestri, Ascoli Piceno con 69 denunce e 8 sequestri e Pesaro Urbino con 46 denunce e 23 sequestri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.