Marco Arlia è il nuovo Responsabile Confartigianato Vallesina. | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Marco Arlia è il nuovo Responsabile Confartigianato Vallesina.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Marco Arlia è il nuovo Responsabile Confartigianato Vallesina. La presentazione è avvenuta in una conferenza stampa organizzata presso la sede di Confartigianato Jesi a cui hanno preso parte il Segretario di Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino, Marco Pierpaoli, il Presidente di Confartigianato Jesi, Silvano Dolciotti, il responsabile uscente Giuseppe Carancini e il sindaco di Jesi Massimo Bacci.

«Il territorio di Jesi – ha dichiarato Pierpaoli – è stato duramente colpito dal Covid, e la Vallesina vive una crisi importante. Nel primo trimestre 2020 avevamo avuto 100 aperture a fronte di 161 chiusure, un saldo già negativo, nel primo trimestre 2021 la condizione si è confermata difficile, con 89 aperture a fronte di 98 chiusure. Nostra missione, come Confartigianato, è quella di rimanere a disposizione degli imprenditori per ascoltare tutte le loro istanze».

20210427_121105

A seguire l’intervento di Silvano Dolciotti, presidente Confartigianato Vallesina: «Centrale per le imprese oggi il tema del credito: il nostro territorio, a causa della perdita della banca locale, ha perso un supporto importante per l’economia. Ora occorre ripristinare un potere contrattuale forte affinché le aziende possano avere un peso maggiore nei confronti degli istituti di credito presenti, fattore fondamentale per lo sviluppo».

Il ringraziamento poi a Giuseppe Carancini che lascia l’incarico ma non Confartigianato: «Il nostro territorio ha bisogno di superare i campanilismi interni e va considerato in un ambito più vasto – ha detto Carancini -. Molti problemi stanno andando verso la soluzione giusta, spetta ai rappresentanti intercettare come antenne i bisogni delle imprese».

Il neo-responsabile di Confartigianato Vallesina Marco Arlia ha esordito facendo il punto sull’azione sindacale portata avanti nel territorio di Jesi e il lavoro svolto sulle principali questioni di interesse per la città. «Siamo soddisfatti per l’opportunità data alle imprese di avere i dehors gratuiti fino a fine giugno – ha detto Arlia – ora auspichiamo l’esonero dal pagamento della tassa di suolo pubblico fino al 31 dicembre 2021 e chiediamo al Comune che si trovi il modo di garantire l’agevolazione fino a fine anno. Nel frattempo – ha proseguito Arlia – stiamo lavorando in sinergia con l’Amministrazione e i vigili urbani perché le attività si adeguino e possano riprendere il lavoro il più presto possibile». Tra le questioni urgenti da affrontare, lo spostamento del mercato cittadino di Jesi, la riqualificazione dell’area ex ospedale, il destino del parcheggio Mercantini, la mobilità cittadina e sul turismo sostenibile, il ponte San Carlo.

IL SINDACO RISPONDE. Per quanto riguarda l’ex ospedale, Bacci ha ribadito la scelta di utilizzare l’area come parcheggio, soluzione sostenuta da Confartigianato, è al momento transitoria in quanto per il 90% l’area appartiene all’Asur. Sullo spostamento del mercato, il sindaco ha spiegato: «Il cantiere in piazza della Repubblica si protrarrà per circa un anno e mezzo, la ripavimentazione e il rifacimento dei sottoservizi sarà in continuità con l’attuale intervento di trasferimento della fontana». A quando dunque la possibilità per gli ambulanti di ritornare in centro? «Se dovessero esserci l’idea, andrebbero collocati in altri spazi, creando le condizioni giuste per rendere il mercato efficiente». Due settimane di ritardo invece per il cantiere in corso Matteotti: «La ditta – ha precisato Bacci – intende però recuperare nei tratti del corso dove i sottoservizi presentano meno criticità». Sul Mercantini: «A breve in giunta il piano di gestione in house».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.