Marco Bentivogli a Jesi per Progetto Policoro | | Password Magazine

Marco Bentivogli a Jesi per Progetto Policoro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Progetto Policoro della Diocesi di Jesi, dopo la prima edizione dello scorso anno, torna con “Chi fa futuro: anche ad essere si impara”, iniziativa pensata per concentrarsi ancora una volta nel valorizzare il territorio, le buone pratiche e le persone, che, nonostante l’uragano mosso dalla tecnologia, restano il motore ed il centro del lavorare.

Venerdì 25 ottobre alle ore 16.30 presso il teatro Il Piccolo di Jesi si svolgerà il primo appuntamento: “Umanità aumentata: capitale umano e competenze digitali” in cui interverranno Marco Bentivogli, Segr. Generale FIM CISL e Marco Gialletti, CEO Nautes, Lead Concept Designer NAUTES SPA; a coordinarli Massimiliano Colombi Sociologo, esperto in consulenza di progetti innovativi di sviluppo locale.

Si procederà ad un confronto stimolante e coinvolgente incentrato sui cambiamenti in atto del “fare lavoro”, sulla sfida che l’innovazione digitale sta già lanciando alle capacità di visione e di programmazione dei protagonisti dello sviluppo di un territorio.

Ogni processo di innovazione non avviene in modo neutrale, l’accelerazione che lo sviluppo tecnologico e digitale sta imprimendo sull’evoluzione dell’occupazione lavorativa sia in termini di fabbisogno che di relazioni, ruoli e competenze, ci pone al tempo stesso problemi di gestione e grandi opportunità. Questa nuova esperienza può diventare a “umanità aumentata” valorizzando l’unicità degli esseri umani? 

L’incontro si concentrerà principalmente su alcune questioni: come sviluppare ed orientare l’attitudine delle giovani generazioni rispetto alle professioni del futuro? Come orientare la capacità di aprirsi un varco nei nuovi orizzonti lavorativi con un’identità professionale propria, accogliendo l’innovazione tecnologica come opportunità di reinterpretazione del “fare lavoro”? Come gestire dei team interfunzionali, persone con competenze diverse, generazioni diverse, un lavoro di squadra?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.