Marco, ristoratore jesino: «Settore fermo ma le spese no. La ripartenza sarà graduale» | | Password Magazine

Marco, ristoratore jesino: «Settore fermo ma le spese no. La ripartenza sarà graduale»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Marco Cesarini a sinistra, con il socio Marcello Allegrini, del ristorante Gatto Matto di Jesi

JESI – Niente pienone al ristorante per Pasqua, solo tavoli vuoti e un grande silenzio. Un’atmosfera quasi surreale all’osteria Gatto Matto di Jesi, nel centro storico, che per la prima volta è rimasta chiusa nei giorni di festa, per le disposizioni sull’emergenza coronavirus. Nessuno stop invece per la cucina che ha continuato a lavorare grazie al servizio a domicilio. «Una Pasqua e una Pasquetta atipiche per molti, non solo per noi – racconta Marco Cesarini, uno dei titolari -. Grazie alle consegne, siamo almeno riusciti a recuperare una parte della vecchia quotidianità». In questa lunga quarantena, la ricerca di un contatto con il mondo esterno diventa una costante. E così una voce al telefono, uno sguardo, un piatto che dal ristorante del cuore arriva sulla tavola di casa possono scatenare un moto emotivo senza precedenti: «Molti clienti – prosegue Marco – mi hanno mandato dei messaggi per ringraziarmi del servizio. Alcuni di loro, nel farlo, si sono addirittura commossi». Fare le consegne diventa quindi un modo per mantenere vivi i legami: «Dal lato economico serve a poco, poiché in un mese vuol dire introiti per il 10% del fatturato normale – precisa Cesarini –. Ma ci tiene occupati, lontani con la mente dalle preoccupazioni». Per il ristoratore jesino la ripresa arriverà ma gradualmente: «Sarà difficile recuperare i ritmi di prima – aggiunge-. Intanto, si vive un po’ alla giornata, in attesa delle indicazioni da chi di dovere, aspettando di conoscere l’entità e i tempi degli aiuti perché le spese non sono ferme». A Pasquetta, Cesarini ha anche festeggiato il primo anniversario di matrimonio, ovviamente in stile quarantena: «A mia moglie, ho fatto trovare un mazzo di fiori tutto in stoffa con le date cucite a mano». Torneranno i tempi per le celebrazioni: «Ora il mio pensiero va a chi ha perso la vita, a chi è isolato in casa e soffre – continua Marco -. Mi è capitato di consegnare pasti ad anziani che vivono da soli, ho visto la paura nei loro occhi». La voglia di ripartire è tanta: «Io non mi abbatto e vado avanti. Con calma, un passo per volta…senza mollare».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.