Mare inquinato: le Marche tra le peggiori. E sulle nostre spiagge ancora pochi cartelli informativi | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Mare inquinato: le Marche tra le peggiori. E sulle nostre spiagge ancora pochi cartelli informativi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

MARCHE – Presentati a Roma i dati di Goletta Verde 2016, campagna estiva di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane. L’indagine parla chiaro: dei 265 punti analizzati dal laboratorio mobile di Goletta Verde in Italia, il 52%, un sito ogni 28 chilometri di costa risulta inquinato o fortemente inquinato. Vediamo l’esito del dossier nella nostra Regione: l’unico campionamento per i quale gli inquinanti erano contenuti nei limiti di legge è stato quello alla spiaggia Ponte Rosso, sul lungomare Alighieri a Senigallia. Fortemente inquinate invece le acque prelevate alla foce del canale presso la Stazione Torrette di Ancona e alla foce del fiume Esino a Rocca Priora di Falconara Marittima.

Fortemente inquinati nella provincia di Ascoli la foce del torrente Albula a San Benedetto del Tronto e alla foce del torrente Tesino a Grottammare. A Fermo fortemente inquinato il campione prelevato alla foce del torrente Valloscura. Cariche batteriche entro i limiti di legge in quelli eseguiti alla spiaggia in corrispondenza del fosso San Biagio a Marina di Altidona e alla spiaggia in corrispondenza del fosso Fonteserpe a Porto Sant’Elpidio. Il report evidenzia come fortemente inquinato il prelievo alla foce del fosso Asola tra Civitanova Marche e Potenza Picena. Stesso giudizio per la foce del fiume Musone, al confine tra Porto Recanati e Numana, nonché confine tra le province di Macerata e Ancona. Fortemente inquinati anche i due campionamenti eseguiti in provincia di Pesaro Urbino: alla foce del torrente Arzilla a Fano e alla foce del fiume Foglia a Pesaro.

 

Spesso, e vale per tutta la Penisola, questi siti inquinati si trovano in prossimità di spiagge e stabilimenti balneari, quindi frequentati da bagnanti e anche su questo Legambiente chiede attenzione: nonostante da due anni sia scattato l’obbligo per i Comuni di apporre pannelli informativi circa la qualità delle acque, i tecnici di Goletta Verde hanno riscontrato la presenza di cartelli in un solo caso rispetto ai 12 punti campionati nelle Marche. Anche quelli di divieto di balneazione mancano.

Realizzata anche grazie al contributo del Coou, Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati ed il sostegno dei partner tecnici Nau e Novamont, l’indagine ha preso in esame dodici punti nelle Marche di cui ben nove sono stati giudicati fortemente inquinati, con cariche batteriche oltre il doppio di quelle consentite dalla legge. Le analisi sono state eseguite dal laboratorio mobile di Legambiente tra il 29 e il 30 luglio 2016. I punti scelti sono stati individuati dalle segnalazioni non solo dei circoli di Legambiente ma degli stessi cittadini attraverso il servizio Sos Goletta. Va detto che responsabili di questi risultati sono anche foci di fiumi, fossi e torrenti che continuano a riversare in mare scarichi non adeguatamente depurati. Da Legambiente arriva quindi l’appello a Regione e amministrazioni comunali, sia dei centri costieri che dell’entroterra, di attivarsi immediatamente per risolvere inefficienze denunciate da anni, per non compromettere una delle principali risorse di questo territorio.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.