Astralmusic

Maria Marchegiani lancia una linea di gioielli ispirati a Federico II

Maria Marchigiani

JESI – Ori sfarzosi, gemme preziose e lavorazioni sofisticate che omaggiano il carattere potente di Federico II e la ricchezza del tempo. E’ la collezione Federico II, ideata dall’artista e designer jesina Maria Marchegiani, titolare di Arte Orafa Marchegiani e del brand Marchegiani Italian jewels per l’estero, con sede in via Pergolesi 18 (già via degli Orefici).

Artista di talento appassionata di arte, con alle spalle importanti collaborazioni come quella col maestro Arnaldo Pomodoro, Maria Marchegiani ha già lanciato una prima linea di gioielli ispirata ai simboli federiciani, custodita ora nelle teche del Museo del Gioiello ricavato nei locali sotterranei della sua boutique. Un concept store unico al mondo, mix tra design minimalista e storia, dove vengono ripercorse le tappe fondamentali dell’evoluzione dell’arte orafa dal ‘700 fino al ‘900 attraverso una piccola ma significativa raccolta di attrezzi artigianali e monili, tramandati nei secoli che testimoniano la fiorente attività degli orafi jesini, fra cui Lucagnolo, compagno di lavoro e poi rivale del Cellini.

Nel Museo del gioiello troviamo una prima collezione ispirata a Federico II, orecchini “Power” con la preziosa corona imperiale, la collana Chanel con la “Chiave della città” il cui ciondolo racchiude i simboli federiciani del leone e della “F” rovesciata di Federico II e la “J” di Jesi; gli anelli a corona, collier preziosi e opulenti per esprimere tutta la magnificenza dell’epoca imperiale. I primi pezzi di una collezione più ampia, composta da circa 50 manufatti, che sarà presentata in tutta la sua bellezza, domenica 15 aprile pv nella sala congressi del Museo Stupor Mundi di piazza Federico II. Non poteva esserci una location migliore per accogliere questo prezioso omaggio che l’artigiana orafa jesina Maria Marchegiani ha voluto dedicare all’Imperatore e alla sua città natale. L’intera collezione sarà in mostra al museo per una settimana. L’iniziativa è promossa da Marchegiani Italian jewels in collaborazione con il Museo Stupor Mundi e il patrocinio del Comune di Jesi.

“Maria Marchegiani è stata una delle prime a cogliere l’ispirazione di Federico II, una figura centrale nella storia d’Europa e personaggio di grande carisma e cultura – dice il vice sindaco Luca Butini – e a capire che l’input del Museo Stupor Mundi fosse quello di risvegliare nei cittadini l’orgoglio di questo territorio che ha dato i Natali al grande imperatore. Il Museo è il traino delle attività di artigianato artistico, enogastronomia, turismo, letteratura per l’infanzia su Federico II e la percezione che il territorio ha di questo grande concittadino e della sua influenza che affonda nel nostro quotidiano. Ecco dunque il senso di identità culturale di un territorio: chi vive, soggiorna, lavora qui deve respirare e percepire che questa terra ha dato i Natali a Federico II>. Il Museo Stupor Mundi, con le 16 sale tematiche, è un futuristico portale per conoscere l’Imperatore e la sua storia, i simboli, le sue gesta, il legame con Jesi la “sua Betlemme”. Come spiega il referente del Museo Francesco Giuliani, <è anche una valida attrattiva didattica per le scuole del territorio ma anche di fuori regione e proprio per l’esposizione dei gioielli di Marchegiani osserverà un’apertura straordinaria ogni pomeriggio da domenica 15 aprile a sabato 21, dalle ore 15 alle 19 e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19″.

“Un onore per me presentare questa linea di gioielli nella Jesi che mi ha formato come artigiana e che ha accolto il mio laboratorio orafo, proprio in via degli Orefici – spiega Maria Marchegiani – non a caso ho voluto ricavare nella parte antica del laboratorio uno spazio per ripercorrere le tappe fondamentali della storia dell’arte orafa a Jesi dal ‘700 al ‘900 e sogno che un domani proprio in questa via sorga un vero museo del gioiello pubblico”. E se nel Museo di Maria Marchegiani sono custoditi primi esperimenti di gioielli ispirati a Federico II, realizzati nel 2012, domenica sarà in mostra l’intera nuova collezione. “Un’ispirazione che arriva dai simboli, dalle miniature e dalla storia di questo grande personaggio – aggiunge – cui ho dedicato 50 pezzi originali, tra collane, orecchini, gemelli, ferma papillon o ferma cravatte, anelli sia in oro che in argento e pietre preziose. Oggetti di design ma che possano trasmettere il carattere e l’identità di chi li indossa”.  

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*