Astralmusic

Maria Vittoria Griffoni, è di Jesi la “cheffa” personale di Jovanotti

Astralmusic

JESI – Giovane, grintosa e determinata: da molti è conosciuta come “La Cheffa”. Maria Vittoria Griffoni, jesina, dal 2015 segue Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, nei suoi tour per gli stadi d’Italia. Ecco qui la sua intervista:

Domanda rompighiaccio: chi sei? Definisci te stessa

Per tutti, cioè per chi mi conosce, sono la “Cheffa” da qualche anno oramai. Hanno iniziato a soprannominarmi così dal primo tour (di Jovanotti) nel 2015, poi l’ho portato avanti anche quando ero a Jesi o Senigallia. In realtà sono Maria Vittoria, ma spero di rimanere Cheffa ancora per molto.

Ma ti senti più Maria Vittoria o più Cheffa?

Più Cheffa: dedico gran parte della giornata alla cucina, che mi piace, e ci metto tutta me stessa. Quando hanno iniziato a chiamarmi Cheffa in tour l’ho sentito mio, quindi mi è piaciuto.

Quindi il mondo della cucina è uomo o donna? Dà più spazio agli uomini o alle donne?

Il mondo della cucina è maschio: le donne sono pochissime. L’ho notato sin da quando ho frequentato l’Istituto Alberghiero a Senigallia. È un mondo molto maschilista, ma se fai la tua parte –  la gavetta con gli stage – comprendi che anche fisicamente richiede forza. Poi sai, a lavoro si fanno anche battute e commenti: se superi questa fase e non dai troppo peso ai pregiudizi, è semplice.

A me non ha mai pesato, faccio la mia parte e vado avanti.

Tu sei giovanissima, hai iniziato presto ad avvicinarti al mondo della cucina quindi:

Sì, ho quasi 30 anni: ho iniziato a 15, frequentando l’Istituto Alberghiero. I primi due anni di scuole superiori al Liceo Linguistico, poi ho cambiato idea. Il mio obiettivo era quello di viaggiare: ho visto che con l’indirizzo che avevo scelto la strada sarebbe stata lunga, mentre vedevo i miei amici che viaggiavano per fare gare di cucina e mi sono detta: “Cambio, provo”.

Prima di allora non avevo mai toccato una padella. Da lì è stato amore a prima vista, non ho più smesso.

Tu sei la chef personale di Jovanotti, giusto? Come vi siete conosciuti?

In tour sì, lo seguo per tutto questo periodo, dal 2015. Lui ha saputo di me tramite passaparola, e ufficialmente tramite l’app mobile “I-foodies”. Ti spiego: in contemporanea con l’inizio del tour “Lorenzo negli stadi 2015” è nata questa app, tramite la quale si inserisce la città e vengono individuate piccole aziende agricole, a chilometro zero. Così sono approdata in tour, ed eccomi qui.

Hai destato curiosità ultimamente, lanciando e facendo girare sui social Instragram e Facebook l’hashtag #uovaallajova: di cosa si tratta?

Fino a un paio di settimane fa eravamo in tour a Rimini: nella dieta di Jovanotti, che fa molto sport, servono molte proteine. Io ho appunto sempre con me le uova, che cucino sode perché molto proteiche: così un giorno ho preparato sia le uova sode sia quelle che poi sono diventate quelle “alla Jova”. Non è altro che la sostituzione del “bianco” dell’uovo anziché sodo, passato in forno: da lì lui anche se n’è innamorato e mi ha chiesto di preparargliele sempre così.

Qualche giorno dopo ho girato un tutorial, visto che mi era stato richiesto da molti.

Quindi la cucina di Lorenzo Jovanotti com’è? Tramite la tua cucina gli fai conoscere le specialità marchigiane?

No, io vado su sua richiesta e su quella di sua moglie Francesca. Cucino molte verdure e pesce rigorosamente fresco, appena pescato. Poi, a seconda delle sue esigenze, preparo la quinoa e le uova, appunto. Una cucina più “global” insomma: la nostra locale sarebbe troppo pesante, lui è come se facesse la vita di un atleta.

Come definiresti la tua cucina?

Definirla mi è difficile: direi abbastanza scomposta. Per esempio, per fare la seppia con i piselli, non la faccio “pasticciata” come la ricetta della nonna, ma magari preparo una vellutata, taglio la seppia a “l’Ancienne” e aggiungo qualche goccia di pomodoro: gli ingredienti ci sono tutti anche se distinti, quindi si possono mangiare accompagnati insieme o meno. Non faccio piatti elaborati, la cottura è semplice.

Punto molto sull’impatto visivo: si mangia prima con gli occhi che con la bocca. Gli occhi vogliono la sua parte, faccio attenzione all’impiattamento. Ogni ingrediente, con una cottura leggera e a vapore, mantiene maggiormente il suo sapore.

Utilizzo molta frutta e verdura: vado di persona a fare spesa dal contadino di fiducia, così come vado al porto per il pesce fresco. Dedico molta attenzione alla qualità del prodotto: lavorandoli poco si avverte subito. Sono prodotti a “chilometro zero”.  Nel mio menù magari non prevedo cucina tipica, ma inserisco grandi classici, come per esempio il tiramisù, rinnovati in chiave moderna.

Tu gestisci due ristoranti a Jesi e Senigallia insieme a tua madre. Dove passi di più il tuo tempo?

Nel mio ristorante a Senigallia: essendo un locale nuovo, ha bisogno di più spinta. A Jesi, come a Senigallia, convivono in un solo ambiente altri due settori, oltre quello della cucina, che sono l’abbigliamento donna e l’oggettistica per la casa, gestiti da mia madre. Ognuna ha il suo ruolo.

Sei stata definita una “chef rock’n roll”, ti ci ritrovi in questa definizione?

Allora, Cheffa è il mio soprannome ma nel mondo della cucina indica un ruolo importante, ovvero chi sta a capo di una cucina. Nel mio caso lascio che sia il soprannome, anche se effettivamente, gestisco da sola anche la cucina. E sì, sono anche un po’ rock’n roll: a partire dal mio modo di essere, mi vedi piena di tatuaggi e con la bandana in testa. Per me la musica è presente dalla mattina alla sera. In cucina mi concentra, sopratutto quando devo studiare dei piatti per preparare un nuovo menú. È una cosa che mi accompagna dai tempi delle scuole superiori.

Ma una chef rock’n roll va d’accordo con un “italiano rap” (Jovanotti)?

Sì, assolutamente. Come nel mio locale sono abituata a lavorare su quello che mi compete, così anche con Jovanotti: non ci scontriamo, ognuno fa il suo lavoro. È una grande festa, non solo con Lorenzo e Francesca, ma anche con tutti gli altri collaboratori, non ci si annoia mai.

Qua al Mediolanum Forum (Milano), dove mi trovo ora, sembra una grande sala da ballo.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Progetti imminenti non ce ne sono: la mia priorità è il locale a Senigallia, messo in piedi poco tempo fa. Ora c’è il tour, che mi terrà impegnata per altri 6 mesi, è una parentesi nel mio lavoro. Lasciare il ristorante per tutto questo tempo non è facile: il mio obiettivo è quello di portare avanti questo progetto creato da me e dai miei famigliari. Per ora mi affido a dei ragazzi che stanno gestendo la cucina.

Non ho mai avuto figli quindi non so cosa si possa provare, ma mettere in piedi il ristorante per me richiede le stesse attenzioni ed energie, per portarlo avanti al meglio. Collaborare con Lorenzo ti mette in qualche modo in vetrina, in luce, e io cavalco quest’onda che mi darà maggiore visibilità.

Vi aspetto tutti al mio ristorante!

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*