Astralmusic

Marina di Montemarciano, sequestrato centro massaggi “hard”

Astralmusic

MARINA DI MONTEMARCIANO – Un “Centro dell’amore” dove i “massaggi” si trasformavano in vere e proprie pratiche sessuali a pagamento, capaci di soddisfare ogni più nascoso desiderio. Un posto frequentato da personaggi noti e dalla crema dell’anconetano.

Alle 17.00 di venerdì pomeriggio, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona coadiuvati dal personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Senigallia e del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica, hanno apposto i sigilli ad un centro massaggi locale sottoponendolo a sequestro penale, notificando nel contesto all’indagata, l’avviso di garanzia e la conclusione delle indagini preliminari.

L’attività investigativa  è stata condotta dagli uomini della Squadra Mobile che, dopo mesi di duro lavoro investigativo (indagine iniziata nel marzo 2017), hanno completato un copioso impianto probatorio tale da permettere il  deferimento dell’indagata ritenuta responsabile dei reati di Sfruttamento e Favoreggiamento della Prostituzione, alla competente Autorità Giudiziaria.

Nei guai una donna di origine cinese di 40 anni che gestiva il centro, con facoltosi clienti di ogni età – medici, avvocati, commercialisti – che esigevano prestazioni anche bizzarre.

Avvalendosi di altre connazionali, la donna utilizzava il centro massaggi per praticare la prostituzione sfruttando e favorendone l’illecita attività di giovani prostitute alle dipendenze.

La lunga attività investigativa posta in essere dai poliziotti nei mesi trascorsi, traeva origine dalla denuncia di una prostituta sfruttata all’interno del centro massaggi.

Le indagini hanno permesso di monitorare per lungo tempo il centro benessere, constatando la corposa frequentazione di avventori di ogni ceto sociale che, con la scusa di fare ingresso nel centro per beneficiare di un massaggio rilassante, si sottoponevano a pratiche e rapporti sessuali di vario genere a pagamento, senza limiti.

Molti dei numerosi clienti riconosciuti e identificati dagli investigatori durante la fase delle indagini tecniche, effettuate anche con l’ausilio di audio-videoriprese all’interno delle sale massaggi, sono stati convocati negli uffici della Squadra Mobile per essere sentiti in merito alla frequentazione del centro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*