"Mario": Maccio Capatonda su Mtv | Password Magazine
Festival Pergolesi

"Mario": Maccio Capatonda su Mtv

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Dopo i successi di Boris e di Romanzo Criminale, un’altra serie televisiva spopola in Italia.

Si tratta di Mario, fiction televisiva ideata dal polifunzionale Marcello Macchia, noto ai più come Maccio Capatonda.

L’artista abruzzese, dopo i successi con la Gialappa’s Band e le collaborazioni con lo Zoo di 105, confeziona un nuovo format televisivo ispirato alla pellicola cinematografica The onion movie, uscita nelle sale nel 2008.

La nuova serie di Capatonda, prodotta dalla Shortcut Productions e distribuita da Mtv, ha come location uno studio televisivo dove ogni giorno viene trasmesso l’Mtg, il Micidial TG. Mario si avvarrà di collaboratori sui generis, come Jo Cagnaccia per la pagina rosa, Salvo Errori che gestisce la rubrica Drammi micidiali, Oscar Carogna per la cronaca nera, Ippolito Germer, liberamente ispirato a Luciano Onder di Medicina 33 e Amarino Mallo, inviato speciale all’estero. I surreali servizi giornalistici non sono, però, l’unica risorsa comica della serie. Infatti, nelle diciotto puntate andate in onda su Mtv dal 28 febbraio, si sviluppa una trama del tutto particolare; il direttore dell’Mtg, Paolo Buonanima, padre putativo dell’anchorman Mario, misteriosamente scompare. L’emittente televisiva viene così acquisita dalla Micidial Corporation, diretta da Lord Micidial, che non solo impone all’interno del tg discutibili sponsor, ma costringe lo sfortunato Mario a rimanere al comando del giornale. Mario avrà solo due soluzioni per sfuggire alla trappola di Micidial; istruire Ginetto, figlio del Lord, o ritrovare Paolo Buonanima.

Lapalissiana è l’ispirazione verso un certo mondo giornalistico. E’ lo stesso Marcello Macchia a spiegare alla rivista Rolling Stone il perché di determinate scelte: “Mi piaceva il modo in cui i giornalisti fanno voice over sui servizi, quel modo di parlare un po’ enfatico, quella cadenza che mi piaceva parodiare. Ho preso spunto da Salvo Sottile, perché la satira dei servizi in Mario è sulla cronaca nera o sul gossip, sul nulla”. Aspettando l’uscita della seconda serie, se ci sarà, o la realizzazione del primo lungometraggio firmata Shortcut Producton, consigliamo vivamente ai nostri lettori questa divertente e grottesca nuova serie made in Italy.

 

 

a cura di: Giuseppe De Lauri

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.