Mariya, i dubbi sul suicidio e l’inquietante foto via sms con il cappio

CUPRAMONTANA – Mariya è morta per asfissia da strangolamento: lo conferma l’autopsia di oggi che non ha rilevato segni di violenza sul corpo della giovane di Cupramontana, morta domenica scorsa. Si tratta dunque di suicidio, l’esame autoptico esclude ogni altra ipotesi.

Mariya aveva scelto di farla finita: da sola, si era incamminata, dopo un sereno pranzo in famiglia, in via Eremo della Romita, dove era solita passeggiare. Aveva lasciato denaro, documenti e telefono a casa. Nessuno immaginava il terribile gesto che stava per compiere. Poi si era diretta verso quel viottolo interrato, aveva scelto uno dei tanti alberi d’ulivo presenti, il più alto, e con il suo foulard domenica si toglieva la vita impiccandosi.

Restano tante domande, la prima fra tutte: perché? Mariya era una studentessa promettente, aveva vinto una borsa di studio e sostenuto un esame di ammissione all’Università. Le porte del futuro erano davanti ai suoi occhi ma erano oscurate dall’ombra di un malessere interiore, per cui era stata ricoverata anche in una clinica di Fermo, dove era in cura anche un ragazzo con cui aveva fatto amicizia ed autore, secondo le indagini condotte dai carabinieri, di quelle foto inquietanti inviate a Sara, la migliore amica di Mariya durante “Chi l’ha visto?”. Oltre a quella con la “M” intagliata sulla mano, c’era anche un messaggio con una foto di una ragazza distesa vicino ad un cappotto simile a quello di Mariya. Nell’ultima, tiene in mano una sorta di cappio. Che il ragazzo fosse a conoscenza della terribile intenzione di Mariya? Erano forse indizi criptati per la famiglia?

E il cane molecolare che allora aveva fiutato le tracce fino ad un punto davanti il Consorzio Agrario, lasciando pensare che la ragazza fosse salita su un’auto?

Dubbi sul suicidio arrivano dal fidanzato Francesco Guerra intervistato oggi da La Vita In Diretta “Sono convinto che qualcuno l’abbia plagiata: Mariya avrebbe voluto veder nascere la figlia della sorella, la sua prima nipotina”.

Ma ormai Mariya non c’è più. E la madre Lyuba starebbe valutando di trasferire la salma in Ucraina, paese di origine, dove verrà sepolta. Là vicino agli affetti dei sui cari, della sorella Natalia e della nipotina che non conoscerà mai.

C.C.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*