Marocchino detective fa arrestare il ladro | | Password Magazine

Marocchino detective fa arrestare il ladro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

MOIE DI MAIOLATI SPONTINI – Giovane si improvvisa detective e fa arrestare ladro seriale. E’ successo ieri pomeriggio a Moie dove un 37enne di origini marocchine, operaio in Vallesina, ha chiamato il 112 chiedendo l’urgente intervento di una pattuglia per bloccare un giovane. Il detective è stato richiamato dalla Centrale Operativa che ha raccolto le informazioni utili per intervenire: il 37enne, che stava tenendo sotto controllo le mosse del ladro, lo aveva visto entrare in una proprietà per rubare da dentro garage una bicicletta e poi frugare da una Fiat Panda parcheggiata lì vicino.  In attesa dell’arrivo dell’Arma, il marocchino ha pedinato il ladro e fornito ai carabinieri la sua posizione consentendo ai militari prontamente intervenuti di acciuffarlo immediatamente. L’equipaggio del Nucleo Radiomobile Compagnia Carabinieri di Jesi, ha beccato il ladro in via Dante Alighieri: si tratta di un uomo di 38 anni di nazionalità tunisina, con numerosi precedenti per furto in abitazione, trovato ancora in possesso di una bicicletta e della somma di denaro pari a 50 euro rubata dall’autovettura dello stesso proprietario della bicicletta. Il tunisino è stato condotto in caserma per gli approfondimenti del caso: è stato grazie alle impronte digitali che i carabinieri sono riusciti a scoprire l’identità del ladro, R.H., già arrestato quattro volte quest’anno per furto sia in Vallesina che nel Ferrarese e gravato da un provvedimento di espulsione mai notificato perché senza fissa dimora. Stante la dinamica dei fatti, il ladro è stato dichiarato in arresto per furto in abitazione e trattenuto nella camera di sicurezza del comando in attesa della convalida e del rito direttissimo. L’arresto è stato convalidato e l’uomo rimesso in libertà con provvedimento di espulsione. All’esame dell’Aliquota Radiomobile ci sono decine di furti commessi quest’anno all’interno di garage di abitazioni Pianello Vallesina per verificare l’eventuale corrispondenza delle impronte rilevate con quelle dell’attuale arrestato. L’episodio dimostra come sia sempre più frequente, e redditizia, la collaborazione dei cittadini con l’Arma dei Carabinieri per la realizzazione della cosiddetta sicurezza partecipata. La conferma, dopo neanche una settimana dall’arresto di un cittadino marocchino per rapina operato di un Vigile del Fuoco e da un suo amico, è arrivata proprio ieri pomeriggio con la collaborazione dell’operaio 37enne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.