Martiri della Libertà, inizio nelle nuove sedi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Martiri della Libertà, inizio nelle nuove sedi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da IC Carlo Urbani Jesi

JESI – In queste prime giornate di settembre, le insegnanti della Scuola Primaria Martiri della Libertà, per il terzo anno consecutivo, si accingono ad allestire le aule per accogliere i loro alunni in un plesso non loro.

classe carotti
Un aula allestita a Palazzo Carotti (ex tribunale)

Nei due anni precedenti l’intera scuola primaria in questione è stata ospitata da tre plessi dell’Istituto Comprensivo Federico II, il cui Dirigente Scolastico ha sempre dimostrato grande disponibilità e spirito solidale. «Vorremmo dimostrare tutta la nostra gratitudine agli insegnanti delle scuole Gemma Perchi, Giuseppe Mazzini e Federico II – dicono le maestre della scuola di Via Asiago, e aggiungono – un ringraziamento speciale va al Dirigente Massimo Fabrizi, che con la sua ospitalità, organizzazione e spirito di collaborazione, ci ha permesso di continuare a fare didattica con i nostri alunni nel migliore dei modi possibile, facendoci dimenticare di non avere ancora la nostra scuola. Tutti gli alunni hanno trovato spazi adeguati sia alla normale didattica che a quella speciale per i bambini più in difficoltà ed abbiamo sperimentato nel quotidiano che è possibile venirsi incontro e superare le criticità, persino quando gli ospiti si fermano ben più di tre giorni. Anche per l’anno scolastico 2020/2021, le insegnanti del Martiri della Libertà, si augurano un anno ricco di opportunità e convivenza costruttiva, grazie all’accoglienza della Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo Lorenzo Lotto, Prof. Sabrina Valentini. Ringraziamo l’ente locale e tutti i dipendenti comunali che in tempi strettissimi hanno lavorato per allestire i nuovi spazi che ci ospiteranno (spazi Palazzo Carotti o ex Tribunale e aule del Mestica). Sappiamo che è non è stato facile e siamo consapevoli delle difficoltà relative all’edilizia scolastica che quotidianamente i Comuni cercano di affrontare e risolvere. Siamo tuttavia orgogliosi di aver fatto anche noi la nostra parte contribuendo attivamente con i tecnici e gli operai per ripartire  con più entusiasmo e energia di prima».

Da: IC CARLO URBANI 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.