Martiri di Montecappone, la cerimonia dà voce alla memoria | Password Magazine
Festival Pergolesi

Martiri di Montecappone, la cerimonia dà voce alla memoria

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Pasquale Graceffo

JESI – Martiri di Montecappone, la voce della memoria protagonista della 76esima cerimonia dedicata ai sette giovani jesini trucidati ed assassinati dai nazifascisti il 20 giugno 1944. Alla ricorrenza, questo pomeriggio, al Cippo Martiri di via Montecappone hanno  hanno preso parte – seppur in numero contingentato, così come disposto dalla Prefettura – autorità, rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma, familiari delle vittime e forze dell’ordine. A rendere ancora più intenso il tradizionale appuntamento con la storia, la concessione della civica benemerenza alla memoria delle vittime, così come espresso all’unanimità del Consiglio comunale, e la partecipazione dei parenti, ciascuno intervenuto con una testimonianza.

Nel testo è scritto «A perenne ricordo del sacrificio di tanti giovani, di diverse parti d’Italia, che hanno creduto e combattuto per la libertà e la democrazia, e per esse sono caduti e sono stati barbaramente uccisi, oggi, in un momento di pace e di assodata libertà, la Città di Jesi intende onorare Calogero Graceffo,Vincenzo Carbone, Armando Angeloni, Luigi Angeloni, Francesco Cecchi, Alfredo Santinelli e Mario Saveri e quel triste giorno del 20 giugno 1944, occasione di una morte orribile, senza processo, e con una sola sentenza. Perché i valori della democrazia devono prevalere sempre, in ogni tempo e contro ogni dittatura e sopruso, e per ricordare la liberazione dal regime nazi-fascista».

Pasquale Graceffo

Ad intervenire il sindaco Massimo Bacci, seguito poi dal presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi. Emozionante gli interventi dei parenti, cui è stata consegnata la pergamena di riconoscimento: per Calogero Graceffo è intervenuto il nipote Pasquale Graceffo che ha ricordato l’importanza: «La figura di mio zio è stata sempre presente nella mia mente, pur non avendo conosciuto personalmente. Ho conosciuto però da vicino la tragedia di una famiglia che ha perso il figlio ventenne, barbaramente trucidato». Poi un appello alla difesa dei valori della democrazia e alla memoria degli ideali per cui si combatteva.

Carla Saveri
Carla Saveri
Luca Fabbracci
Il dott. Luca Fabbracci

Commossa Carla Saveri, nipote di Mario Saveri: «Questa edizione ha dato voce alla memoria ed è sicuramente in 76 anni la più bella ed emozionante – ha detto -. Giusto non dimenticare e mantenere vivo il ricordo di questi giovani».  A ritirare per Armando e Luigi Angeloni il dott. Luca Fabbracci, per Francesco Cecchi il nipote Carlo Cecchi, intervenuto insieme al cugino Franco Cecchi: «La cerimonia di oggi ha il sapore della vita, il loro sacrificio non va disperso».

Carlo Cecchi
Carlo Cecchi
Vincenzo Carbone

Vincenzo Carbone insieme al cugino, da un paesino in provincia di Reggio Calabria, è arrivato a Jesi per commemorare lo zio omonimo Vincenzo e tutti gli altri martiri di Montecappone: all’occasione ha letto la lettera della sorella del martire, Grazia Carbone, oggi 88enne. Per Alfredo Santinelli invece nessuno presente in quanto non è stato rintracciato alcun parente vivente.

A chiudere la cerimonia la lettura da parte di un giovane rappresentante dell’Anpi di un testo della sen. Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Cervi di Gattatico, e infine le conclusione del vice sindaco Luca Butini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.